Annuncio
Annuncio

In una Scuola di Valli del Natione in provincia di Udine è scoppiato il panico a causa di un avvenimento a dir poco singolare. Nella mattinata del 22 aprile 2016 un bimbo si è presentato regolarmente a scuola in perfetto orario, e quando le lezioni stavano per iniziare ha cominciato a estrarre i sui libri, il suo astuccio e una bomba 'ananas', mostrandola con orgoglio a tutti i suoi compagni. 

L'allarme della maestra

La curiosità tra i bambini era tanta, nessuno di loro sapeva di cosa si trattasse, fino a quando il bimbo si è recato al cospetto della maestra, facendole vedere lo strano oggetto.

Annuncio

L'ingenuità del piccolo ragazzo lo ha portato a chiedere 'Cos'è questo maestra?'. La donna alla vista della bomba si è immediatamente messa in allarme, portandola in breve tempo e con molta cautela in giardino, avvertendo tempestivamente le forze dell'ordine. La Polizia è arrivata in poco tempo ed ha appurato che si trattava di una bomba a mano tipo 'ananas', un residuo bellico risalente alla seconda guerra mondiale.

L'ordigno ritrovato in un campo

Il bambino è stato sentito dagli agenti ai quali ha riferito di aver trovato l'ordigno in un campo, era sporco e quindi lo avrebbe lavato sotto l'acqua corrente e poi conservato gelosamente all'interno dello zainetto.

la fortuna ha voluto che la bomba non è esplosa nelle mani del bambino, evidentemente a causa delle sue pessime condizioni dovute al cattivo stato di conservazione. Il direttore della scuola non ha dovuto ricorrere all'evacuazione della scuola e le lezioni sono proseguite in maniera regolare. Le forze dell'ordine hanno provveduto a sequestrare la bomba per portarla in un luogo sicuro, per farla brillare dagli artificieri. La paura comunque è stata tantissima, soprattutto per la salute del bimbo che l'ha rinvenuta e che in maniera ingenua l'ha conservata e portata a scuola, non sapendo in maniera assoluta di che cosa si trattasse.

Annuncio
I migliori video del giorno

Una storia con il lieto fine e solo con tanta paura e apprensione per l'incolumità dei bambini e dei docenti presenti nell'edificio. Se vuoi rimanere aggiornato su questo argomento o sugli articoli di questo autore, clicca il tasto 'Segui' a fianco del nome ad inizio articolo.