Pubblicità
Pubblicità

Mentre nasce una pagina a sostegno di Igor Diana sul noto social network Facebook, il giovane bielorusso che ha ucciso i genitori adottivi sta per essere operato a Iglesias. Come forse ricorderete, se avete avuto tempo e modo di seguire questa triste vicenda di Cronaca Nera, il ragazzo è stato ferito dalle forze dell'ordine mentre cercava di sottrarsi alla cattura. Era il 12 maggio 2016 quando Igor Diana vagava disperato e già schiacciato dal peso del rimorso, cercando un improbabile riparo nella zona agricola di Siliqua: è stato colpito al gomito e l'intervento non sarà dei più semplici.

Pubblicità

Il delitto

La vicenda appare particolarmente drammatica. Giuseppe Diana e Luciana Corgiolu avevano adottato due fratelli bielorussi e non avrebbero mai potuto immaginare che sarebbe stato uno di loro ad ucciderli. Il duplice delitto si è rivelato un'autentica mattanza, cominciata con una pesante mazza da baseball e finita con la lama di un coltello: si è consumato l'8 maggio 2016 nella casa di famiglia, una piccola villa in via Copernico. Tutta da ricostruire e interpretare appare la psicologia di Igor Diana, che avrebbe cambiato completamente carattere dopo un sinistro stradale da lui provocato, che vide la morte di un motociclista che aveva tentato di superarlo e che era stato mandato fuori strada da Igor Diana.

La posizione processuale del giovane appare assai complessa, visto che dovrà anche rispondere di tentato omicidio dei poliziotti e dei carabinieri, e di detenzione illegale di una pistola che il ragazzo avrebbe puntato contro i militari durante la fuga.

Un ragazzo disperato

Mentre il fratello si è arruolato nell'esercito, Igor Diana probabilmente si è cacciato in qualche brutto guaio, visto che aveva continuamente bisogno di denaro. Chiedeva soldi ai genitori con insistenza, si rivolgeva anche agli amici e affermava di attraversare una fase della sua vita particolarmente delicata.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Le immagini di una videocamera di una sala giochi lo hanno immortalato poche ore dopo il delitto, intento a tentare la sorte con una slot machine: è un'immagine che la dice lunga sullo stato di pericoloso sbandamento emotivo di un giovane che, evidentemente, ad un certo punto della sua vita ha perso clamorosamente la bussola. Nelle prossime settimane ne sapremo certamente di più e cercheremo di capire meglio chi è davvero Igor Diana.