Si è svolta questa mattina in Questura la conferenza stampa con la quale gli inquirenti hanno cercato di far luce sull’omicidio avvenuto nella notte fra sabato 28 e domenica 29 maggio in Via della Magliana a Roma. A morire è stata una giovane ragazza di appena 22 anni e dopo una lunga notte di interrogatorio (durato più o meno otto ore), è stato Vincenzo Paduano a confessare l’omicidio della giovane Sara Di Pietrantonio. Il 27enne era stato fidanzato un paio d’anni fa con la giovane bionda e di mestiere faceva la guardia giurata.

Torchiato dalle forze dell’ordine, il ragazzo ha infine ceduto alle domande degli inquirenti e ha confessato di aver letteralmente dato fuoco alla sua ex fidanzata. Un omicidio efferato, insomma, che non ha lasciato scampo alla piccola Sara, che pure aveva provato a fuggire dalle grinfie del suo assalitore e aveva provato a chiedere aiuto alle poche auto che sono passate per la Magliana nella tarda notte fra sabato e domenica. Nessuno, però, si è fermato a soccorrerla.

Come si sono svolti i fatti

Durante la conferenza stampa di questa mattina a Roma, gli inquirenti hanno detto che i due ex fidanzati avrebbero avuto un acceso litigio qualche ora prima dell’omicidio e che Sara sarebbe fuggita con l’auto di sua madre.

Vincenzo, a questo punto, l’avrebbe speronata con la sua macchina costringendola a fermarsi. Dopo essere salito sulla vettura nella quale viaggiava Sara, avrebbe cosparso sulla ragazza e nella macchina del liquido infiammabile che aveva portato con sé (alcol probabilmente). Insomma, prima ha bruciato l’auto e poi ha raggiunto di corsa la sua ex bruciandola viva. Paradossale che nessuno si sia accorto di nulla e non sia intervenuto.

Le telecamere di sicurezza hanno ripreso almeno due automobili passare mentre Sara Di Pietrantonio cercava di chiedere aiuto nel bel mezzo della strada, ma nessuno si è fermato.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

Se qualcuno l’avesse fatta salire nella propria auto, a quest’ora sarebbe ancora viva” hanno affermato gli inquirenti con gli occhi lucidi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto