Una notizia che fa molto preoccupare quella che viene dalla provincia di Ascoli Piceno, dove una studentessa 15enne del liceo biologico Mazzocchi di Pennile, durante l'orario scolastico è finita in ospedale per aver letteralmente 'sniffato' due bustine di Oki. Il medicinale, usato principalmente come antidolorifico, è assunto molto, anche dai giovani stessi, per alleviare leggeri malori. Questa volta, però, l'utilizzo di tale antidolorifico è stato completamente sbagliato e stava causando seri problemi di salute alla ragazza.

Pubblicità
Pubblicità

La testimonianza dei compagni di classe

Come riporta il portale web Skuola.net, i compagni di classe avrebbero visto l'adolescente aprire due bustine del medicinale e assumerle direttamente dal naso. Subito dopo, però, la ragazza ha sentito i primi effetti di questo nuovo tipo di "sballo" ed è stato tempestivo l'intervento degli insegnanti che hanno immediatamente chiamato il 118.

Una volta arrivata al pronto soccorso, la ragazza è stata ricoverata, anche perché i medici non erano completamente a conoscenza degli effetti collaterali che poteva avere l'assunzione scorretta ed eccessiva di quel medicinale.

Pubblicità

Una moda Made in U.S.A.

Si tratta di un vero e proprio sballo low cost, quello che sempre più sta dilagando nei giovani adolescenti. Sarà la noia, la voglia del proibito o il desiderio di sentirsi grandi, che spinge questi teenagers a compiere tali gesti? Alla domanda è difficile rispondere, ma le ipotesi sono tante dietro questa moda che viene direttamente dagli Stati Uniti e che, grazie alla prontezza delle nuove tecnologie, si sta sviluppando anche in Europa.

La voglia di sballo e i prezzi eccessivi delle droghe classiche, porterebbe i ragazzi a crearsi delle vere droghe fai-da-te. Proprio l'Oki, infatti, dal colore bianco che ricorda la cocaina, potrebbe rappresentare un nuovo tipo di 'droga artigianale' che se sniffata porta ad uno stato di eccessiva euforia.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Ma i ragazzi, nonostante i rimproveri e gli inviti a smettere dei medici, continuano a far sempre più uso stupefacente di queste sostanze, non curandosi degli effetti dannosi alla salute ed è proprio per questo che bisogna preoccuparsi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto