Affidare i propri figli a gente estranea in grado di definire le sue competenze lavorative con il titolo di 'babysitter' è una ricorrenza abbastanza comune. Ciò che, solitamente, si sbaglia, in queste circostanze, è l'idea di voler affidare i bambini a gente con progressiva esperienza lavorativa nel settore, senza badare alla superficialità che si attribuisce nel riporre in secondo piano l'aspetto più rilevante: non bisogna mai affidare i propri piccoli a persone del tutto estranee. Conoscere il passato della persona a cui è stato affidato un importante compito, è la prima regola da dover rispettare in particolari situazioni.

E' in seguito a ciò che è emerso un fatto di grave cronaca che vede protagonista una 'babysitter' in rapporto con un infante di soli otto mesi.

Haddix, il bambino dagli occhi celesti e capelli biondi, morto a soli otto mesi

La notizia riguardante questo grave episodio di cronaca risale al 14 giugno 2016, ma la vicenda ha avuto luogo nel corso dello scorso anno, a maggio. La vittima, Haddix James Mulkey, aveva solo otto mesi quando è stato avvelenato da una dose, somministrata per tranquillizzarlo e farlo dormire sereno, letale di un farmaco di estrema pericolosità. La madre del piccolo angelo volato in cielo ha deciso di inviare un appello a tutte le madri, condividendo sul web la sua dolorosa esperienza.

Il messaggio che vuole far captare ad ogni madre è quello di evitare di somministrare farmaci ai propri figli per indurli ad addormentarsi. La babysitter responsabile dell'accaduto, gestiva un asilo nido domestico e, stando alle dichiarazioni della madre di Haddix, la notte in cui è avvenuta questa spiacevole situazione, vi erano altri otto neonati presenti in casa.

Quando la donna a cui era stato affidato il compito di sorveglianza dei bambini, si è resa conto che il bambino non rispondeva al risveglio, ha chiesto aiuto ai vicini ma, malgrado l'intervento dell'ambulanza, la corsa in ospedale non ha fruttato alcun esito positivo.

Quale farmaco letale ha causato la morte di Haddix?

Gli accertamenti avvenuto in ospedale hanno svelato il nome del farmaco somministrato ah Haddix che ne ha causato la sua morte: si tratta di un farmaco antistaminico, 'Benadryl', il quale è stato somministrato al bambino in dose adulta.

Tale vicenda è sconvolgente in quanto, per far rilassare un neonato è possibile utilizzare della camomilla o anche della valeriana, ma giungere all'uso di un farmaco è risultato eccessivamente fuori luogo. Per saperne di più non perdete nessun aggiornamento, cliccando sul tasto "segui" che si trova in alto, appena sopra il titolo dell'articolo.