Era una donna bellissima Carla Caiazzo (38 anni). Una bellezza tipica del suo essere meridionale; fresca, passionale ed attraente. Come sappiamo, Carla è stata gravemente ustionata dal suo ex durante un tentato omicidio. Il tutto è avvenuto lo scorso Febbraio. La donna era incinta, ma fortunatamente, dopo un magistrale intervento da parte dei medici, sono state salvate sia lei che la sua bambina. La Caiazzo dovrà sottoporsi a diversi interventi di chirurgia estetica per poter riavere una vita normale. 

Carla: il commovente racconto a Quarto Grado

Nell'ultima puntata del noto programma mediaset Quarto Grado, andata in onda lo scorso 17 Giugno, è stata resa nota un'intervista a Carla Caiazzo, la donna sopravvissuta ad un tentato omicidio da parte dell'ex fidanzato.

Pubblicità
Pubblicità

La 38enne è rimasta ustionata gravemente in varie parti del corpo e, per poter tornare ad una vita normale, dovrà affrontare vari interventi di chirurgia estetica. Le ustioni ricoprono zone come: testa, collo viso, schiena e seno. Tornando all'intervista da parte di Quarto Grado, Carla ha raccontato della prima volta in cui ha visto la sua bambina, che i medici erano riusciti a far nascere: "Era la festa della mamma, ho avuto una sorpresa, mia madre ne era ovviamente complice.

Pubblicità

Lei era con me in ospedale e le chiesi se fosse possibile fare una passeggiata in corridoio. Mentre camminavamo, io vidi le sagome di Vincenzo (il fidanzato di Carla n.d.a.) e di mia sorella, avevano tipo un trasportino tra le mani ed io urlai il nome di mia figlia Giulia, perchè ero molto contenta. Era la prima volta che vedevo la mia bambina dopo quanto era accaduto". 

Mesi di dolore in ospedale

Carla ha poi parlato della sua terribile esperienza e di come ne stia pian piano uscendo fuori.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

La donna ha spiegato quanto sia stato duro quel periodo, un vero e proprio inferno sulla terra. Ha raccontato che durante i mesi passati in ospedale ha provato un dolore inimmaginabile ed inspiegabile. Carla, all'inizio, non aveva il coraggio di guardarsi allo specchio, "Mi sono vista molto tempo dopo l'accaduto" ha detto. La mamma della piccola Giulia è stata aiutata dal suo fidanzato Vincenzo, il quale le ha infuso molto coraggio, facendole vedere all'inizio solo alcune parti del corpo, tipo "puzzle": prima gli occhi, poi il naso ed in seguito la bocca.

Per avere aggiornamenti su questo ed altri articoli di cronaca, cliccate Segui in alto a destra dell'articolo. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto