Alla mancanza di buon senso non c'è mai fine. È stato scoperto un altro caso di vendita illegale di un figlio, questa volta avvenuta a Napoli, nei pressi di Torre del Greco. Già era avvenuto un episodio molto simile, dove un ragazzo ventenne venne processato per aver venduto il figlio a 10mila euro. Questa volta la storia coinvolge non solo i genitori stessi, colpevoli di questo atto barbarico, ma anche qualche membro della camorra. Ma partiamo con ordine.

La storia

Tutto inizia nel settembre del 2013, nell'ospedale Boscotrecase, a Torre del Greco. La mamma ha solamente 19 anni e la nascita del bambino viene registrata con una paternità fittizia, dato che il padre biologico, nel frattempo, è finito in carcere. I problemi economici non le permettono di badare completamente al bambino. Da qui la drastica decisione di vendere il proprio figlioad una coppia napoletana benestante di Settimo Milanese, attraverso l'incontro con un signore di 56 anni.

Lo scambio avvenne nell'aprile del 2014, rapido e senza ripensamenti da parte della madre. Non è la prima volta che un genitore abbandona il figlio per futili motivi. Ma qui arriva la parte più interessante della storia.

La madre decide di denunciare la coppia che aveva acquistato suo figlio poichè era stato registrato con una paternità fasulla e quindi risultavano loro gli stessi genitori, mentre in realtà non lo erano affatto.

Tutto questo è avvenuto perché il 56enne con cui la donna prese contatto era un truffatore seriale, condannato in precedenza per vendita di offerte di lavoro false e altri reati simili. La pena per questo genere di reati può variare tra i 5 e i 15 anni. Ora il bambino è stato prelevato immediatamente dalla famiglia "adottiva" ed è stato portato in una casa famiglia, in attesa di adozione da parte di una famiglia non problematica come questa strana coppia.

La mamma, ora 22enne, è stata privata della patria potestà ed accusata di abbandono e vendita di minori. Sfortunatamente questo non è un caso singolare. Speriamo solo non sia il continuo di una lunga serie.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto