Annuncio
Annuncio

Udine - Un uomo che si era incamminato nel bosco in Carnia per una battuta di caccia ai cinghiali, è accidentalmente scivolato in una scarpata. La rovinosa caduta lungo i 300 metri di precipizio, è costata la vita al cacciatore che sarebbe stato impossibile avvistare senza il prezioso aiuto del suo amico a quattro zampe il quale non lo ha lasciato da solo nemmeno per un minuto.

Una distrazione fatale

Alido Timeus, 67 anni, residente a Ovaro in provincia di Udine,  come spesso aveva l'abitudine di fare, è uscito di casa in compagnia del suo fedele segugio per la solita battuta di caccia nei boschi circostanti.

Un passo maldestro o una distrazione improvvisa hanno fatto precipitare l'uomo lungo una scarpata che raggiunge una profondità di ben 300 metri.

I familiari, preoccupati di non veder ritornare Timeus, hanno lanciato l'allarme al 112 perché si avviassero le ricerche.

Advertisement

I Carabinieri hanno immediatamente allertato il soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Tolmezzo e i volontari del Cnsas di Forni Avoltri i quali hanno prontamente dato il via ad una ricerca a tappetto della zona. 

I soccorsi ritrovano l'auto

Il ritrovamento dell'auto dell'uomo ha consentito ai militari di restringere il campo di ricerca facilitando il ritrovamento del cacciatore. Mentre i soccorsi setacciavano il bosco in Carnia, qualcosa ha attirato la loro attenzione, erano i guaiti del segugio di Timeus accucciato accanto al corpo del padrone il quale è stato ritrovato ormai privo di vita.

Il ritrovamento è avvenuto circa alle 7 di mattina del 2 giugno 2016, la proverbiale fedeltà del cane è stata ancora una volta dimostrata, e il corpo dell'uomo è stato riconsegnato alla famiglia che continuerà a prendersi cura del segugio che lo ha vegliato e protetto dagli animali selvatici per tutto il tempo.

Advertisement
I migliori video del giorno

Senza l'aiuto del segugio probabilmente ci sarebbero voluti giorni perché l'uomo venisse rinvenuto, nonostante l'intervento massiccio delle forze dell'ordine e dei volontari del Cnsas che sono intervenuti tempestivamente subito dopo aver avuto la segnalazione dai familiari.