The Floating Piers era un'opera attesa ed eccezionale che, proprio per queste sue caratteristiche, com'era prevedibile, avrebbe richiamato sul sonnecchioso Lago d'Iseo tanti amanti dell'Arte. La passerella creata e completamente pagata dall'artista bulgaro-americano Christo, specialista nelle cosiddette "opere d'arte temporanee", collega la sponda bresciana del lago nel Comune di Sulzano a Monte Isola, l'isola più grande del lago ed anche l'isola lacustre più alta d'Europa. La passerella permette dunque di camminare letteralmente sulle acque.

Pubblicità

I disagi per arrivare a Sulzano

Il paese dal quale si accede alla passerella galleggiante è Sulzano. Nelle vicinanze del piccolo borgo rivierasco sono dislocati i parcheggi dove arrivano bus e navette che partono dai vari punti della Regione. Purtroppo però gli arrivi sono stati molti di più di quanto il paese riesca a contenere e i parcheggi sono saturi anche nelle ore notturne. Trenord, il servizio regionale dei treni locali, ha istituito treni locali per arrivare in paese, ma è di oggi la notizia che sono stati soppressi diversi treni perché non vi era più spazio sufficiente per i visitatori in arrivo.

Il Prefetto Valerio Valenti ha istituito una cabina di regia specifica per gli accessi a Sulzano. Il piazzale antistante il paese non può contenere più di 4.000 persone e pertanto la restrizione degli accessi al paese è un obbligo per evitare disagi ulteriori- ha affermato in una conferenza stampa. Per il weekend in arrivo, la situazione dovrebbe ulteriormente peggiorare perché è previsto l'arrivo di migliaia di persone, complice anche il bel tempo.

I visitatori e l'attesa

Nel primo giorno di apertura la passerella ha ospitato circa 55.000 visitatori, un numero molto più alto di quello atteso.

Pubblicità

Numeri che continuano ad aumentare macinando record ai quali l'artista non è nuovo. Probabilmente nelle due settimane di apertura al pubblico si supereranno i 500.000 visitatori previsti. Un successo per Christo, ideatore dell'opera d'arte,  che ha dichiarato che dopo il 3 luglio, data di chiusura della passerella, non ci sarà un altro The Floating Piers nel mondo. Quello di Iseo resta un evento unico al mondo per accedere al quale purtroppo, sempre stando alle dirette parole dell'artista, c'è tanto da aspettare: "L'attesa è parte della mia opera, o avete pazienza o non venite".

Buona paziente passeggiata a tutti.