2

Si tratta, ormai, di avvenimenti all'ordine del giorno. Dopo i casi di Tiziana Cantone e di Diletta Leotta, infatti, ecco un nuovo scandalo. La vittima è un'altra ragazza di Napoli e, come di consueto, il volto di chi riprende non appare nel video. Non si conoscono ancora i retroscena ed i motivi che hanno spinto il ragazzo a pubblicare il video, ma la procura di Napoli ha già aperto le indagini, memore delle passate esperienze.

Cosa ne pensano le persone

Tutti sono indignati, non ci si spiega, infatti, come queste cose continuino ad accadere nonostante le tragedie che hanno provocato. Molte persone hanno ancora in mente la tragica morte di Tiziana Cantone, suicidatasi pochi giorni fa proprio a causa di simili azioni, eppure, pare che nessuno abbia imparato la lezione.

Ad intervenire sull'argomento è stata anche la trasmissione radiofonica 'La Radiazza', condotta da Gianni Simioli, lanciando l'appello, a tutti coloro che ne verranno in possesso, di cancellare immediatamente il filmato per prevenirne la diffusione virale.

La tendenza del momento fra i giovani

Sembra essere diventata la tendenza del momento quella di condividere sui social momenti che dovrebbero restare intimi e che non dovrebbero in alcuno modo finire sul web. E' questa l'ultima follia giovanile; dal bullismo si è passati alla violazione della privacy, senza avere la benchè minima consapevolezza dei gravi danni che potrebbero essere arrecati alle vittime di turno.

Il secondo caso che si verifica in meno di una settimana

Non c'è stato neanche il tempo di dimenticare lo scandalo della giornalista di Sky, Diletta Leotta, che subito ci troviamo dinanzi una nuova vicenda da affrontare.

I migliori video del giorno

Stavolta, però, le modalità sono state differenti. A differenza del caso Leotta, non vi è stato nessun attacco hacker; il filmato, infatti, è stato caricato sul web dalla stessa persona che ha girato il video. Non si sa ancora se la vittima fosse consapevole di essere filmata o meno ma, in entrambi i casi, la sua immagine resterà inevitabilmente infangata.