Sempre più allarmanti i dati riguardanti il “femminicidio” in Italia. Questo termine è un neologismo che identifica i casi di omicidio doloso o preterintenzionale in cui una donna viene uccisa da un uomo per motivi basati sul genere. Un aspetto spesso comune a tale tipologia di crimini è la sua maturazione in ambito familiare o all'interno di relazioni sentimentali poco stabili. Dall'inizio del 2016, almeno 58 donne sono state uccise in Italia dal partner o dall'ex fidanzato.

Pubblicità
Pubblicità

Andando dietro col tempo, ricordiamo che fino al gennaio 2015 erano ben 155 gli omicidi. 

Ennesimo caso a Valenza 

L'ennesimo caso è avvenuto a Valenza, comune italiano di 20mila abitanti della provincia di Alessandria. Un uomo di 73 anni è il principale sospettato dell’omicidio della moglie, uccisa a coltellate a 67 anni. In base alle prime notizie, sarebbe stato proprio il marito a chiamare il 112. “Mia moglie non respira più. Venite”, le parole dette al centralino.

Non perdere le ultime notizie!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa di più oppure scopri qui tutti i Canali. Ti terremo aggiornato sulle novità che non puoi perderti!
Cronaca Nera

Arrivati nella casa di via Trieste, i carabinieri hanno trovato l’uomo, Carmelo Reitano e la moglie, Rita Giuseppa Lercara, colpita con diverse coltellate al collo. Reitano è stato subito condotto in caserma dove è in corso l’interrogatorio. Massimo riserbo da parte degli investigatori e degli inquirenti. Stanno procedendo, oltre ai militari di Valenza, gli uomini dei Nuclei Operativo Radiomobile e Investigativo di Alessandria.

Bisogna prevenire questo genere di fenomeni 

Ricordiamo che, oltre a parlare di femminicidio, è importante anche parlare della prevenzione rispetto a questo tipo di fenomeni e ad ogni tipo di violenza, psicologica e fisica, contro le donne.

Pubblicità

Secondo i dati di Telefono Rosa, almeno 8.856 donne sono state vittime di violenza e 1.261 di stalking, per non parlare dei nuovi casi legati al cyberbullismo. Si stima, inoltre, che il 90% delle donne non denuncia tali atti di sopraffazione. Telefono Rosa lancia dunque un appello al Governo affinché possa intervenire al più presto con risorse economiche e attività di contrasto alla violenza di genere.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto