Ha strappato dalle mani il telefono cellulare a una ragazza in piazza Yenne, a Cagliari, e ha iniziato a correre come se non ci fosse un domani. Inseguito da un poliziotto fuori servizio, che li si trovava per puro caso, Atik Mohamed, 22 anni, di nazionalità marocchina, è stato arrestato ieri mattina, lunedì, dagli agenti della Squadra Volante di Cagliari con l’accusa di rapina, si legge nel verbale stilato dalla Polizia. Il giovane extracomunitario, dopo aver passato la notte in una cameradi sicurezza della Questura, sarà processato per direttissima in un’aula del tribunale di Cagliari.

La ragazza, ancora scossa, ha riavuto il suo smartphone di ultima generazione.

Rapinata in pieno giorno

Se non ci fosse stato un poliziotto fuori servizio molto probabilmente, ieri, il giovane egiziano l’avrebbe fatta franca. Mentre stava passeggiando in piazza Yenne, infatti, l’agente ha praticamente assistito in diretta al furto del telefonino, con tanto di inseguimento. Il tutore dell’ordine ha visto una scena che gli ha fatto subito rizzare le antenne: una giovane ragazza, infatti, stava rincorrendo con tutte le sue forze un altro giovane che sembrava tenesse qualcosa tra le mani e non accennava minimamente a fermarsi. Il poliziotto, in una frazione di secondo e istintivamente, si è messo anche lui all’inseguimento dell’extracomunitario che scappava e, dopo averlo raggiunto e capito cosa fosse accaduto, è nata una sorta di colluttazione.

L’arresto

L’agente di Polizia, infatti, mentre tentava di bloccarlo, è caduto a terra insieme al cittadino straniero che per fuggire ha cercato più volte di colpire il poliziotto che però non ha mollato la presa e, non senza fatica, l’ha finalmente immobilizzato. Nel giro di qualche minuto in piazza Yenne sono arrivate le pattuglie della Squadra Mobile e della Squadra Volante che hanno pensato al resto. Atik Mohamed aveva ancora tra le mani lo smartphone che aveva appena rubato alla giovane ragazza che, dopo tanta paura, ha riavuto il suo telefono cellulare.