È stato un drammatico scontro quello che è avvenuto nella serata di sabato sera 10 settembre in Calabria, precisamente nella città di Cosenza, dove una moto ha investito e travolto un pedone ferendolo in modo molto grave.

Moto travolge un pedone

Questo drammatico scontro è avvenuto a Cosenza, precisamente in una delle vie più trafficate della città, in via Panebianco. Un uomo di 43 anni aveva attraversato la strada, quando per cause ancora non chiarite, una moto di grossa cilindrata e con due persone a bordo ha travolto il 43enne. Lo scontro è stato tremendo, tanto che l'uomo è stato sbalzato a diversi metri di distanza da dove è avvenuto l'impatto, andando a sbattere la testa sull'asfalto.

Le sue condizioni di salute sono sembrate subito molto gravi. Anche uno dei due uomini a bordo della moto è rimasto ferito in modo molto grave, mente l'altro per fortuna è rimasto ferito lievemente. I due sono stati trasportati in codice rosso all'ospedale Annunziata di Cosenza, dove tutt'ora sono ricoverati. Al momento, comunque, il più grave sarebbe il 43enne che è stato investito. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti immediatamente i carabinieri che hanno iniziato a condurre le indagini per chiarire le dinamiche di questo tragico scontro.

Altra tragedia avvenuta in Calabria negli ultimi giorni

In Calabria, negli ultimi giorni, sono avvenute diverse tragedie. Una bimba di due anni residente a San Calogero, in provincia di Vibo Valentia, è precipitata dal balcone del suo appartamento ferendosi in modo gravissimo ad un occhio a causa di una scheggia.

I migliori video del giorno

La piccola, infatti, nel tremendo volo che ha fatto, ha impattato contro una pianta ed una scheggia le si è conficcata in un occhio. In un primo momento la bimba è stata trasportata all'ospedale di Catanzaro ma visto le sue condizioni, i medici hanno deciso che era meglio trasportarla in un centro più attrezzato; è stata quindi trasportata, grazie ad un velivolo dell'aeronautica militare, all'ospedale Bambin Gesù di Roma dove è tutt'ora ricoverata.