Un'altra triste vicenda accade sulle nostre carreggiate italiane. Il numero delle vite perse a causa degli incidenti continua ad aumentare vertiginosamente. Stavolta a perdere la vita è stato un ragazzo minorenne di appena 16 anni.

Il fatto

Si trovava sul cavalcavia della BreBeMi, nella zona di treviglio. Il ragazzo, di appena 16 anni, stava tranquillamente guidando la sua moto (una Yamaha) dopo aver  terminato le lezioni nell'Istituto Agroalimentare di Caravaggio, dove andava a scuola.

Era l’ora di pranzo, le 13 e 30 circa, e secondo le prime ricostruzioni avrebbe tentato il sorpasso di un autobus. Quest’ultimo spostamento è però risultato fatale: durante la manovra di superamento ci sarebbe stato il terribile impatto contro il furgone proveniente dalla carreggiata contrapposta. Pronto l’intervento dell’ambulanza, la quale è arrivata sul posto per soccorrere il ragazzino. Purtroppo per quest’ultimo le ferite riportate erano già in gravissime condizioni.

La Morte è avvenuta poco dopo il trasporto in ospedale. Per Giorgio Tosini di soli 16 anni non c’è stato nulla da fare. La pubblica sicurezza di Treviglio è ora sul luogo dell’incidente per piano piano ricostruire al meglio lo sviluppo dell’avvenimento. Il ragazzo abitava nei pressi di Pontirolo Nuovo, paese di circa 5mila abitanti situato nella provincia di Bergamo. La sua bacheca di Facebook è stata tempestata di messaggi di addio dopo il malinconico accaduto.

Non è l’unico episodio

Un altro ragazzo che ha perso la vita a bordo della sua moto è stato Gennaro Di Dato. Quest’ultimo è morto in seguito all'aver perso il controllo del proprio ciclomotore. Aveva solo 18 anni ed era originario della città di Ercolano, 53mila abitanti in provincia di Napoli. Per lui non c’è stato nulla da fare: il colpo subito dopo l’impatto contro il marciapiede ha fatto perdere a Gennaro Di Dato la vita istantaneamente.

In gravi condizioni invece il suo amico passeggero, ricoverato poi al Caldarelli di Napoli. La causa dello sbandamento sarebbe stata la perdita del casco da parte di uno dei due ragazzi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto