Sta facendo discutere e indignare quanto immortalato in una fotografia scattata in occasione di uno sposalizio, il cui ricevimento si è tenuto in un ristorante della provincia di Lecce.

Il Salento è apprezzato anche per la buona cucina, ma l'episodio denunciato da Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei diritti, va in tutt'altra direzione.

Lo spray insetticida per scacciare gli insetti

Il personale del ristorante aveva allestito in giardino un ampio buffet con cibo di ogni tipo. Ma come puntualmente accade, i primi ad arrivare sono gli insetti alati e non è facile allontanarli. Così qualcuno dello staff ha pensato di ricorrere ad un'insetticida spray, da spruzzare sul buffet in grande quantità.

Probabilmente il cameriere incaricato dell'operazione non pensava di essere visto e invece un fotografo lì presente, ben equipaggiato, con un obiettivo dotato di un potente zoom, è riuscito in lontananza ad immortalare quell'incresciosa scena e ad inviare le foto allo Sportello dei diritti, denunciando l'accaduto.

D'Agata: 'Pronti a mettere alla gogna i responsabili'

La segnalazione è stata presa in seria considerazione da Giovanni D'Agata, il quale ha reso pubblica la notizia, pur censurando il volto del cameriere e tenendo riservato il nome del ristorante in cui si sono svolti i fatti, ma con l'avvertimento che al prossimo episodio non presterà altrettanta premura. Il fotografo ha anche dichiarato che non era la prima volta che assisteva ad una scena simile in occasione di un ricevimento.

I migliori video del giorno

'Dalla prossima in cui riceveremo una segnalazione - fa sapere D'Agata - saremo pronti a mettere alla "gogna" i responsabili. Le foto che cortesemente ci sono state trasmesse - aggiunge - la dicono tutta sulla scarsa sensibilità per la salute dei clienti che s'incontra troppo soventemente e che forse solo una pubblicità negativa potrà scoraggiare, così come ci siamo ripromessi, sperando che non ci siano più occasioni - ma è lecito dubitarne - per indicare gli esercizi ed i nomi dei responsabili'.