26 ottobre 2016. Alle 19:11 la terra ha tremato ancora nel centro Italia. Ancora le Marche, questa volta nel centro di Macerata. E il panico presto ha preso il sopravvento. Inevitabile, quando si hanno ancora negli occhi e nella mente le immagini del 24 agosto scorso. A poco più di 2 mesi di distanza, la stessa zona è ancora vittima della sorte.

3 scosse nel giro di 2 ore, dall'intensità tra i 4.8 e i 5.9 gradi della scala Richter, poi seguite da uno sciame sismico. Ma è il caso di andare oltre i numeri. Perché ci sono cose che le cifre non possono esprimere.

L'unico numero che ci importa davvero è quello 0 relativo alle vittime.

C'è chi parla di fortuna, come se si potesse realmente trovare la buona sorte in questa disgrazia. C'è chi ringrazia tutti i santi per l'orario delle scosse, avvenuto in un momento in cui tutti erano svegli, al contrario del caso di Amatrice, e quindi pronti ad uscire dalle case. C'è chi già cerca un colpevole di qualche aiuto che è già sicuro di non ricevere. Parole dettate dalla paura, dalla frustrazione.

Oltre ai dati, oltre alle polemiche, c'è tanto altro che lascia questo Terremoto. Anche se purtroppo, a qualcuno non rimane più niente. Ed è questo l'aspetto più terribile della vicenda. Pochi secondi, e crollano case, sogni. Attimi che cancellano anni di sacrifici. Il terrore che si espande a macchia d'olio, come un virus che danneggia la speranza nel futuro.Anche in questo caso da elogiare protezione civile e volontari.

I migliori video del giorno

Perché gli italiani avranno tanti difetti, ma nella difficoltà si sono sempre caratterizzati da un forte senso di unità.

Il terremoto, nel far tremare la terra sotto i piedi, ha la capacità di far mancare equilibrio, sicurezza, alle persone. Come è capitato allo stadio Adriatico di Pescara, distante pochi chilometri dall'epicentro. Perché il terremoto non fa distinzione. Nella disgrazia siamo tutti uguali, dai calciatori di Serie A agli abitanti di Ussita e Castelsantangelo. Tutti cittadini dello stesso paese, tutti aventi paure e aspirazioni. Quelle che ora mancano alle persone cui il sisma, oltre alla positività, ha tolto anche una casa. Non ha nessun senso, o meglio, nessuna utilità fare polemica ora come ora. I colpevoli ci sono e pagheranno a tempo debito. Più importante ed impellente restituire dignità e un tetto a chi ora si trova a combattere anche col maltempo autunnale. Il governo, ma anche il popolo, è chiamato in causa. Siamo tutte vittime in disastri come questo. Ma chi può deve fare qualcosa.