Roberta Ragusa scompare nella notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012 e da quel giorno non se ne sa più niente. È svanita nel nulla senza lasciare alcuna traccia dietro al suo passaggio. Dopo un iniziale sospetto di allontanamento volontario, le indagini hanno preso la strada dell'omicidio da parte del marito, che ne avrebbe distrutto il corpo per impedirne il ritrovamento. In questi quattro anni di intense indagini, Antonio Logli è rimasto sempre al centro delle accuse e anche l'unico indagato ma, nonostante questo, non sono mai emerse prove certe che il marito avesse ucciso la donna. A pochi giorni dalla comparizione di Antonio Logli davanti al Gup di Pisa, un elemento arriva a sconvolgere completamente il quadro: una telefonata potrebbe fornire finalmente la svolta, quella che si attendeva da tempo in un caso così intricato.

Il marito di Roberta Ragusa chiama un conoscente

Antonio Logli il 14 gennaio, giorno della scomparsa di Roberta Ragusa, ha chiamato un conoscente. Ancora non si conoscono tutti i dettagli ma se la magistratura ha preso seriamente in considerazione questo particolare elemento, ci sarà qualche fondamento. Qual è la motivazione della chiamata? Cosa si sono detti in quei minuti? È stata una semplice telefonata ad un amico in cerca di conforto, o dietro a quella chiamata vi è qualcosa di più? Al momento le indagini su questa nuova prova continuano e il 'secondo uomo' potrebbe rappresentare l'anello mancante della catena. Questo caso di cronaca è uno dei più misteriori e intricati della storia del nostro Paese.

Confidente o complice?

Chi è quest'uomo che Logli ha deciso di contattare a poche ore dalla scomparsa di Roberta Ragusa? Quale ruolo ha avuto questa seconda persona all'interno della vicenda? Non si conoscono informazioni definitive a riguardo, non ci sono notizie nemmeno sul luogo dal quale sia partita la telefonata.

I migliori video del giorno

La chiamata sarebbe avvenuta alle 11 del giorno 14 gennaio, e sicuramente durante il processo a carico di Antonio Logli, verranno poste delle domande sull'identità di questo secondo uomo. La procura vorrà che Logli chiarisca il motivo di tale telefonata.