I terremoti, come quello di qualche giorno fa, nel Centro Italia, provocano danni, morti e disperazione. Lo sa bene Rosa, una signora di 106 anni che vive a Monsampietro Morico (Fermo) e, negli ultimi giorni, ha dovuto lasciare la sua casa perché inagibile. Adesso la centenaria si trova con gli altri sfollati in una palestra del piccolo centro nel Fermano. Rosa, però, non sembra proprio desolata. 

Due guerre e 3 forti terremoti

La 106enne, nel corso della sua lunga vita, ha assistito a 2 guerre e, con quello dei giorni scorsi, a 3 forti terremoti. Al presidente delle Marche, Luca Ceriscioli, la 106enne ha detto che si trova nella palestra, assieme agli altri sfollati, sottolineando che non gli manca nulla.

Il governatore delle Marche si è recato nelle ultime ore a fare visita alle tantissime persone che, a Fermo, hanno dovuto lasciare le loro abitazioni dopo il potente sisma del 30 ottobre 2016. Nonostante la difficile situazione, Rosa ha affermato a Ceriscioli di sentirsi bene. La 106enne ha proprio un'indole positiva come tutti gli altri centenari che vivono nelle Marche, una delle regioni più longeve d'Italia. 

Fermo necessita di interventi statali e regionali

Nel Fermano è tornata la paura, negli giorni scorsi. Sembra che tante persone dormano addirittura nelle auto. Tutte le scuole resteranno chiuse dal 3 al 5 novembre 2016 per permettere ai tecnici comunali di effettuare i sopralluoghi. E' stata disposta la chiusura anche di 2 edifici importanti, la Cattedrale e Palazzo dei Priori. Fermo, così come altri centri colpiti dal sisma non riuscirà a risollevarsi solo con l'attività delle istituzioni locali e dei volontari: c'è bisogno di un tempestivo intervento dello Stato e della Regione. 

Nel centro di accoglienza allestito presso la palestra di via Leti sono state trasferite circa 80 persone, che godono anche del supporto degli psicologi della Protezione civile e della Croce Rossa.

I migliori video del giorno

La forte scossa dello scorso 30 ottobre 2016 ha messo in ginocchio, dunque, anche Fermo e i centri vicini. Sembra che, dopo il sisma, i celebri vulcanelli di fango, a Monteleone di Fermo, abbiano iniziato ad eruttare.