Orgoglio, gratitudine, commozione e vicinanza sono i sentimenti che il sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta, esprime sulla prima pagina del portale internet del Comune "a nome di tutta l'Amministrazione e dell'intera comunità", dopo quanto accaduto nella notte fra giovedì e venerdì a Sesto San Giovanni, a circa mille e quattrocento chilometri di distanza dal centro siracusano. Il riferimento è al concittadino canicattinese Luca Scatà, "giovane volenteroso e perbene", il poliziotto che ha risposto al fuoco del presunto attentatore di Berlino, Anis Amri, rimasto ucciso. Nello stesso documento sul web, Amenta aggiunge che inorgoglisce e rassicura sapere che anche i giovani del Sud "sanno essere eroi" e che, con grande professionalità, contribuiscono a garantire la sicurezza del nostro Paese.

Il pensiero rivolto alle vittime della strage di Berlino

Scatà è figlio di un funzionario comunale, Giuseppe, che ieri mattina era "regolarmente al suo posto di lavoro", fanno sapere dall'ente, anche se comprensibilmente preoccupato. Amenta evidenzia anche l'impegno di tutte le forze dell'ordine e del collega di Luca Scatà, Cristian Movio, rimasto ferito nella stessa notte, augurandogli una "pronta guarigione". Infine, il sindaco di Canicattini Bagni rivolge il pensiero alle vittime della strage avvenuta in Germania, nella quale ha perso la vita anche la connazionale Fabrizia Di Lorenzo.