Le segreterie nazionali hanno reso noto che lunedì 19 dicembre ci sarà uno sciopero indetto dai sindacati per tutta la giornata per protestare contro l'azienda Almaviva. Si è arrivati a questa decisione, dopo che giovedì 15 dicembre c'è stato l'incontro tra Almaviva e le Rsu dei siti di Roma e Napoli, a causa del licenziamento di un preoccupante numero di lavoratori in alcune città d'Italia. Quali sono le principali novità riguardanti lo sciopero dei sindacati organizzato per il giorno 19 dicembre a causa del taglio secco nei confronti dei lavoratori e delle preoccupanti condizioni dell'azienda Almaviva in tutta Italia, ma soprattutto Roma e Napoli?

L'impegno del Ministero per aiutare i lavoratori e la risposta dell'azienda

Bisogna sottolineare il ruolo del Ministero, che ha mostrato la propria disponibilità per trovare soluzioni utili riguardanti le Cigs, ma si contrappone la risposta dell'azienda, che si è detta costretta a ribadire il taglio secco del salario contrattuale in tutte le sedi italiane di Almaviva, considerato l'unica alternativa per evitare i licenziamenti.

I sindacati, dal canto loro hanno apprezzato l'interesse del Ministero, che si sta impegnando a trovare nuove soluzioni e si devono notare le preoccupanti situazioni riguardanti le sedi di Roma e Napoli: inoltre non si deve dimenticare la decisione dell'azienda di trasferire decine di lavoratori da Palermo a Rende e di conseguenza le segreterie Nazionali hanno fatto sapere che lo sciopero ci sarà per tutta la giornata.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

I sindacati si scagliano contro l'azienda Almaviva, la cui posizione è stata definita scellerata e grave, in quanto non sembra tenere la situazione sotto controllo. Le condizioni dei siti di Almaviva nelle città di Napoli e Roma sono le più preoccupanti in tutta Italia e bisogna sottolineare la battaglia combattuta dai lavoratori che sperano in una soluzione della vertenza da parte della nota azienda., dopo le rassicurazioni da parte del Ministero.

Per rimanere sempre aggiornati sulle notizie e anticipazioni della cronaca potete cliccare sul tasto in alto a destra segui e commentare.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto