Tensioni tra Stati Uniti e Cina. Sono scaturite dall'azione delle autorità militari di Pechino che hanno sequestrato un drone statunitense utilizzato dalla marina per monitorare le acque del Mar cinese meridiionale. Il sequestro sarebbe avvenuto in acque internazionali. Ad alimentare il clima non certo idilliaco ci ha pensato, naturalmente, Donald Trump. Lo ha fatto in maniera poco ortodossa. Non è consueto, infatti, che il presidente eletto prenda posizioni su questioni internazionali prima del suo insediamento, quando di fatto il leader della Casa Bianca è ancora Barack Obama. Il messaggio di Trump, contenuto in un post su Twitter, è diventato 'virale' a causa di un errore grammaticale.

Il presidente eletto, definendo il gesto di Pechino, ha infatti utilizzato il termine "unpresidented" al posto di "unprecedented" (inaudito), suscitando l'ironia dei soocial e dei suoi contestatori che hanno definito l'errore "un lapsus freudiano che Trump ha rivolto a sé stesso".

Accordo per la restituzione del drone

Ad ogni modo, il Pentagono ha già raggiunto un accordo con la Cina, preceduto da una nota ufficiale del ministero della difesa di Pechino. "Il drone è stato sequestrato per garantire una sicura navigazione alle navi in transito, lo riconsegneremo attraverso le appropriate modalità". Non poteva mancare l'ennesimo, provocatori commento di Trump sul suo account Twitter. "Non vogliamo che ci restituiscano il drone che ci hanno rubato, se lo tengano! Questo dovremmo dire alla Cina".

I migliori video del giorno

Di certo l'accaduto non è un buon viatico nel futuro diplomatico tra i due paesi. Se Trump ha più volte dichiarato di voler filare d'amore e d'accordo con il Cremlino, non è lo stesso con la seconda potenza economica del mondo. Ma la Cina, che negli ultimi mesi ha intensificato i suoi rapporti con Mosca, è un partner importante per l'occidente ed un businessman come Trump, al di là delle sue posizioni oltranziste, dovrebbe saperlo bene. A Vladimir Putin, probabilmente, toccherà il compito di 'arbitrare' questa delicata partita.