Si sono registrati tre forti terremoti nel centro Italia, tutti sopra magnitudo 5. La scossa più forte è stata un 5,6. Secondo le stime ufficiali dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia il primo Terremoto è stato registrato fra l'Aquila e Rieti a circa 9 km di profondità e con una magnitudo di 5,3. A seguire quattro scosse intorno alla magnitudo 3 e poi le ultime due, di magnitudo superiore al 5. La seconda ha avuto epicentro a Montereale, con magnitudo 5,4. Mentre l'ultima è stata registrata a Pizzoli (L'Aquila) con magnitudo 5,6. I dati sulla magnitudo sono ancora incerti riguardo ai precisi valori, ma il problema sarà risolto con le indagini più accurate nei prossimi giorni.

Terremoto, autostrade chiuse

L'Autostrada A24 che collega Roma, Teramo e l'Aquila è stata chiusa per verificare l'eventuale presenza di danni causati dal terremoto lungo il percorso. Lo rende noto la società Strada dei parchi. Anche Trenitalia ha deciso di sospendere le tratte Terni-Sulmona e Sulmona-Avezzano per verificare eventuali danni dalle scosse. A Roma invece è stata evacuata la metro.

Studenti e dipendenti usciti dagli edifici colpiti dal sisma

A l'Aquila, Roma, Rieti e nelle zone dove il terremoto è stato avvertito con maggiore violenza, gli studenti sono usciti nei cortili delle proprie scuole rispettando le corrette procedure d'evacuazione e i dipendenti sono usciti dalle aziende per far effettuare controlli sui possibili danni a strutture e macchinari causati dal sisma.

I migliori video del giorno

Anche molte chiamate di cittadini preoccupati sono state ricevute dalla Polizia e dai vigili del fuoco.

Terremoto centro italia, nuovi crolli e black out

Nei luoghi precedentemente colpiti dal sisma dei mesi scorsi si sono verificati nuovi crolli di edifici già precedentemente danneggiati dal terremoto. Mentre ad Acquasanta, in provincia di Ascoli Piceno, il sindaco dichiara che si sono verificati una serie di black out dall'ora del primo sisma, inoltre lancia l'allarme per molti anziani che sono rimasti bloccati dalla neve e senza luce, richiedendo aiuto e mezzi utili per fronteggiare la situazione.