Fa freddo a Roma in questi giorni. Fa freddo soprattutto per le persone che devono dormire sulla strada perché non hanno una casa. Sono tanti i clochard nella Capitale che, in queste ore, stanno fronteggiando un freddo assurdo. Il Vaticano e la Comunità di Sant'Egidio, per fortuna, hanno deciso di aprire le porte della chiesa di San Calisto in Trastevere ai senzatetto. Tra questi c'è Giovanni, un 50enne che, poco tempo fa, è rimasto senza lavoro. Come tanti, del resto, in Italia.

'Nessuno mi prende a lavorare'

Chi non ha un posto dove dormire può entrare, dalle 20 alle 22, nella chiesa di San Calisto in Trastevere, a Roma.

Pubblicità

Molti volontari offrono assistenza agli indigenti, ai clochard e a chi, come Giovanni, si è trovato di punto in bianco in mezzo alla strada. Fino a poco tempo fa, il 50enne faceva il magazziniere per un'azienda che, all'improvviso, ha deciso di licenziarlo. Giovanni ha 2 figlie ed è separato. Da quando ha perso il lavoro, l'ex moglie gli impedisce di vedere le figlie. Il cinquantenne è consapevole che, alla sua età, in Italia è quasi impossibile trovare un impiego stabile: 'Non è facile ricominciare alla mia età, nessuno mi prende lavorare'. L'uomo trascorre le giornate in vari punti della Capitale, facendo attenzione a non farsi vedere dalle figlie: il suo aspetto è cambiato. In peggio.

Grande opera dei volontari

Le persone che dormono, in queste ore, nella chiesa di San Calisto in Trastevere sono una trentina, uomini e donne. Queste, secondo i volontari, sono quelle si addormentano prima; gli uomini, invece, apprezzano scambiare qualche chiacchiera con i volontari, condividendo con loro qualche bicchiere di tè caldo. E' veramente apprezzabile quello che fanno i volontari per tutte le persone che si trovano nella stessa condizione di Giovanni. Questo ha affermato nelle ultime ore che non dormiva in un letto caldo da molti mesi.

Pubblicità

Si è sentito, per la prima volta, come un bambino: è stato bellissimo, per lui, addormentarsi in un posto così bello, caldo e pieno di brava gente. Un plauso a chi, gratuitamente, offre sostegno ai bisognosi e ai borderline.