Nella giornata di ieri, 10 aprile 2017, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha designato l'attivista per i diritti dei bambini e premio Nobel Malala Yousafzai come Messaggera di Pace dell'ONU, con particolare attenzione all'educazione delle ragazze. "Sei stata nei posti più pericolosi [...], e hai visitato molti campi profughi. La tua fondazione ha scuole in Libano, nella Beka'a Valley", ha detto Guterres durante la cerimonia di premiazione.

"[Tu sei] un simbolo di ciò che è probabilmente la cosa più importante del mondo, l'educazione per tutti", ha sottolineato.

Malala, che venne colpita nel 2012 da un proiettile sparato da un Talebano poichè aveva osato frequentare la scuola, è la più giovane Messaggera di Pace in tutta la storia dell'ONU, e la prima a ricevere un'onorificenza da parte di Guterres da quando questi ha assunto il ruolo di Segretario Generale nel gennaio di quest'anno.

Malala ha sottolineato, nel ricevere l'encomio, quanto sia importante l'educazione soprattutto per le ragazze, per la società e per una comunità avanzata. "[Il cambiamento] inizia da noi e dovrebbe iniziare adesso" , dice, aggiungendo: "Se volete vedere il vostro futuro brillare, dovete iniziare a lavorare adesso, [e] non aspettare che qualcun altro lo faccia per voi."

I Messaggeri di Pace dell'ONU

I messaggeri di Pace dell'ONU sono persone che si sono distinte per meriti speciali, attentamente selezionate tra vari campi quali arte, letteratura, scienza, intrattenimento, sport e altri campi della vita pubblica, e che hanno deciso di aiutare a concentrare l'attenzione globale sul lavoro dell'ONU.

Sostenuti della più alta onorificenza conferita dal Segretario Generale, queste prominenti personalità offrono volontariamente il loro tempo, talento e passione per sollevare la consapevolezza degli sforzi che le Nazioni Unite compiono per migliorare le vite di miliardi di persone in qualunque parte del mondo. I messaggeri sono inizialmente scelti per un periodo di tre anni; ciònonostante tre degli attuali dodici messaggeri: Michael Douglas, Jane Goodall, e Yo-Yo Ma, hanno servito per più di dieci anni.

Durante la presentazione ufficiale, Guterres e Yousafzai hanno discusso con molti giovani rappresentanti di diverse parti del mondo sul tema dell'educazione femminile. Secondo Malala, il periodo più difficile che dovette affrontare fu negli anni tra il 2007 e il 2009 nella Swant Valley, "poichè dovevamo prendere una decisione tra far sentire la nostra voce o tacere. E li ho realizzato che se stai zitto, rimarrai terrorizzato.

Quindi se fai sentire la tua voce, puoi aiutare le persone."

Mentre era ricoverata dopo l'attacco dei Talebani, Malala capì che "gli estremisti provarono a fermarmi [e il fatto che non ci riuscirono] è un chiaro segno che nessuno può fermarmi. La mia seconda vita ha lo scopo di lottare per l'educazione e continuerò a lavorare per questo." Malala ha aggiunto anche che fratelli e padri devono supportare le donne e le ragazze nello sforzo globale di assicurare un'educazione per tutti e, ancora più importante, nel permettere loro di "essere ciò che vogliono essere".

Infatti, ha detto, suo padre diceva sempre alle persone di non chiedergli cosa aveva fatto per Malala, quanto cosa non aveva fatto: cioè non le aveva tarpato le ali.

In conclusione, Guterres ha definito la vita di Malala come "un notevole esempio di solidarietà", affermando che il Pakistan è un altro esempio di questo tipo: "Viviamo in un mondo dove così tanti confini sono chiusi; così tante porte sono chiuse, ma il Pakistan ha accolto sette milioni di profughi a porte aperte: un simbolo di generosità."

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto