Quella compiuta dall'amministrazione Trump in Siria è l'ennesima ritorsione decisa da Washington nei confronti di uno Stato sovrano. Dal 1986 ad oggi, da quasi 31 anni, gli Stati Uniti d'America intervengono puntualmente nel mondo con 'raid punitivi'. Una lunga storia che inizia esattamente il 14 aprile del 1986 con la Libia. Quel giorno, l'amministrazione della Casa Bianca guidata da Ronald Reagan tentò di uccidere il presidente Mu'ammar Gheddafi. Il nome in codice dell'operazione fu "El Dorado Canyon", ed aveva ufficialmente lo scopo di vendicare un attentato commesso da terroristi libici alla discoteca 'La Belle' di Berlino, notoriamente frequentata da militari americani.

Il leader libico sfuggì al raid in cui morì una delle sue figlie adottive. Il giorno successivo, il governo di Tripoli rispose lanciando due missili verso il territorio italiano, obiettivo l'isola di Lampedusa, che precipitarono in mare prima di colpire il bersaglio. Dal Nord Africa all'America Centrale, più di tre anni dopo. Era il 20 dicembre 1989 quando Ronald Reagan, in uno dei suoi ultimi atti, decretò l'invasione di Panama per deporre il presidente Manuel Noriega.

Il lungo braccio di ferro con Saddam

Un nemico 'cresciuto' grazie ai finanziamenti ed agli armamenti statunitensi. Tale fu il leader irakeno Saddam Hussein, dapprima alleato degli States durante la lunga guerra tra Iran ed Iraq (1980-1988), nel tentativo di contrastare il governo di Teheran retto dall'ayatollah Ruhollah Khomeini.

La pericolosità di Saddam emerse nell'agosto del 1990, quando l'esercito iracheno invase ed occupò il Kuwait. Il 20 gennaio 1991, il presidente americano George H.W. Bush diede inizio all'operazione 'Desert Storm' che porterà alla liberazione dell'emirato kuwaitiano. Inizia in quel momento il lungo braccio di ferro tra Washington ed il regime di Baghdad: nel 1996, l'amministrazione di Bill Clinton decreta il raid punitivo dopo l'attacco di Saddam contro i curdi.

Due anni dopo, lo stesso Clinton dà il via all'operazione 'Desert Fox' allo scopo di prevenire il pericolo della presunta produzione, in territorio iracheno, di armi di distruzione di massa. Quelle stesse armi, della cui esistenza non ci sarà mai prova, saranno il pretesto per il presidente George W.

Bush di portare a compimento nel 2003 ciò che il padre aveva iniziato dodici anni prima. La seconda guerra del Golfo porterà alla deposizione di Saddam Hussein che si darà alla fuga, ma sarà succesivamente arrestato e, poi, processato e condannato a morte.

Caccia ad Osama Bin Laden

La storia di Osama Bin Laden, lo 'sceicco del terrore' ispiratore e fondatore di Al Qaeda, è molto simile a quella di Saddam Hussein. Anche il noto terrorista saudita aveva beneficiato del supporto statunitense contro l'esercito sovietico, quando l'URSS aveva invaso l'Afghanistan alla fine degli anni '70. Successivamente aveva iniziato la sua guerra contro Washington il cui episodio più eclatante è certamente l'attacco alle Torri Gemelle dell'11 settembre 2001.

Già tre anni prima, però, l'amministrazione Clinton aveva tentato di ucciderlo in un bombardamento aereo effettuato in territorio afghano, il 20 agosto 1998. Gli Stati Uniti, sotto la presidenza di George W. Bush, attaccheranno l'Afghanistan il 3 ottobre 2001, poco meno di un mese dopo l'attentato al World Trade Center, e l'azione militare porterà alla fine del regime di Kabul retto dai Talebani, ma Bin Laden sfuggirà alla cattura. La sua latitanza durerà fino al 2 maggio 2011, quando sarà ucciso a seguito di un blitz delle forze speciali antiterrorismo ad Abottabad, in Pakistan.

Gli attacchi contro l'Isis

Siamo praticamente ai giorni nostri. Nel 2014 inizia l'espansione dello Stato Islamico che occupa una fetta consistente di territorio tra Iraq e Siria, l'amministrazione Obama ordina due raid a distanza di pochi giorni l'uno dall'altro.

Il primo viene effettuato in Siria, l'8 agosto, mentre il secondo ha come obiettivo le postazioni dell'Isis in Iraq e ha luogo il 23 settembre. Tutto questo, ovviamente, prima del raid ordinato da Donald Trump contro la Siria di Bashar al-Assad che rischia di avere serissime conseguenze. Perché non c'è dubbio che rispetto a Gheddafi, Noriega, Saddam o Bin Laden, il presidente siriano sia molto più fortunato nelle alleanze.

Segui la nostra pagina Facebook!