Il blitz della polizia municipale di Roma contro gli ambulanti situati presso il Lungotevere ha causato un decesso. Durante il fuggi-fuggi generale scatenatosi all'arrivo delle forze dell'ordine, un uomo si è accasciato a terra, morendo tra i passanti. Il fatto è accaduto nel pomeriggio, e alcuni testimoni affermano che l'uomo, Nian Maguette, di 54 anni, non sia deceduto a causa di un infarto causato dallo sforzo fisico, ma che sia stato investito dalla polizia. Il blitz è stato improvviso, condotto durante un'operazione anti-abusivismo legata ad un'eccessiva presenza di ambulanti nella capitale.

Costoro vendono ogni qual sorta di articolo per la strada, e gli agenti sono intervenuti per limitarne la presenza sul Lungotevere. E proprio in quest'occasione si è consumato il dramma: il 54enne, durante il caos provocato dalla fuga generale è deceduto, forse a causa di un infarto. In queste ore il Lungotevere è bloccato, con i venditori ambulanti che protestano contro la versione della Polizia.

"È stato investito"

Alcuni testimoni parlano di decesso per attacco cardiaco ma, secondo gli ambulanti e colleghi del deceduto, i fatti si sarebbero svolti in maniera diversa.

L'uomo sarebbe stato investito da un agente in sella ad un motorino, e la dimostrazione sarebbe in una macchia di sangue rivenuta sul luogo della caduta. "Quello è il sangue di Nian", hanno affermato i venditori, sostenendo che la causa della morte sarebbe da imputare ad un comportamento poco corretto degli agenti. Uno di loro, infatti, avrebbe investito il 54enne, causandone la caduta e il colpo alla testa fatale.

Per questo motivo, la comunità abusiva ha bloccato via Beatrice Cenci, luogo in cui si è consumata la tragedia, situata sul Lungotevere, nel pieno centro di Roma. Il decesso è avvenuto fra i numerosi turisti presenti, allibiti per il fuggi-fuggi generale e la conseguente morte del senegalese.

Nessun inseguimento: è stato un infarto

Il vicecomandante della polizia municipale, Antonio Di Maggio, afferma che non si è verificato alcun inseguimento a danno degli ambulanti, né in motorino né a piedi: "Abbiamo imposto agli uomini del primo gruppo di non fare alcun inseguimento.

È stata solo sequestrata la merce". L'agente sostiene anche che l'uomo sia stato rinvenuto a 100 metri dal luogo dove si è verificato il blitz e, di conseguenza, durante la sua fuga nessuno lo avrebbe travolto. Secondo la Polizia, il decesso del 54enne è da attribuire ad un improvviso infarto causato dallo sforzo fisico profuso durante la fuga. La protesta della comunità ambulante è tutt'ora in corso a Roma, dove sono intervenuti ulteriori agenti in tenuta antisommossa.

Segui la nostra pagina Facebook!