Secondo gli ultimi test missilistici effettuati dalla Nord Corea, il nuovo prototipo è pronto per il lancio e, secondo gli esperti, potrebbe anche arrivare ad una distanza di 10.000 chilometri, raggiungendo i territori americani e più precisamente la città della grande mela.

Secondo lancio effettuato oggi

Gli sviluppi dei test sono stati rapidi, la BBC ha informato che la Nord Corea ha effettuato il suo ultimo test questo 3 settembre programmando il lancio del suo secondo missile balistico per il Giappone nella giornata di oggi 15 settembre. Cosa succederebbe nel caso in cui Corea del Sud ed Europa venissero coinvolte in un conflitto?

Diversi test missilistici comprovati nel 2017 suggeriscono che la Corea del Nord sta sviluppando con successo dei tipi di missili con un grande potenziale: colpire a lungo raggio forse fino ad arrivare alla terraferma americana. Nel maggio 2017 la Corea del Nord testò il missile Hawasong 12 che, secondo una valutazione degli analisti, potrebbe essersi spinto fino a 4.500 km di distanza, toccando l'isola di Guam nel Pacifico. Un altro test è stato effettuato a luglio con il missile Hawasong 14 che ha dimostrato di avere un potenziale ancora maggiore del precedente, tanto da essere considerato il primo vero missile balistico veramente intercontinentale (ICBM).

Oltre 10.000 Km di distanza

Gli analisti ritengono che questo missile potrebbe essere una versione a due stadi dell'Hawasong 12 e potrebbe avere un raggio di distanza di oltre 10.000 chilometri, consentendogli molto probabilmente di arrivare nella città di New York.

Nel mese di agosto di quest'anno, è stato effettuato il secondo test missilistico dell'Hawasong 12 che ha attraversato il Giappone e che per la prima volta è stato descritto come "una minaccia senza precedenti"; questa mattina, 15 settembre, l'esperimento è stato ripetuto e questa volta il missile è riuscito a volare a una distanza maggiore, raggiungendo un'altitudine molto più elevata rispetto al test effettuato nel mese precedente.

Secondo quanto citato dalla BBC, i successi ottenuti dalla Corea del Nord hanno destato qualche sospetto su come il programma missilistico sia migliorato così rapidamente, visti gli insuccessi ed i guasti precedenti avuti con altri missili. Michael Elleman, dell'Istituto Internazionale per gli Studi Strategici, ha suggerito l'ipotesi che Pyongyang potrebbe aver acquistato motori a propellente ad alto rendimento dalle reti illecite in Russia e in Ucraina.