Ci troviamo a San Macario, in provincia di Lucca, dove un ragazzo di appena quindici anni ha tentato di uccidere i genitori nel pomeriggio, irrompendo in camera da letto brandendo un'accetta. Fondamentale è stato il repentino intervento del padre che, in preda al terrore, è riuscito a bloccare il ragazzo e a disarmarlo, per poi chiedere l'intervento delle forze dell'ordine.

Ora il figlio quindicenne si trova presso l'istituto penale per i minori di Firenze, dove è stato portato dalla polizia, intervenuta giusto in tempo per fermare il ragazzo. La madre, ancora sotto shock e visibilmente scossa ed impaurita per quanto accaduto, è riuscita a cavarsela con una ferita alla testa.

Secondo le dichiarazioni dei due genitori, il ragazzino avrebbe fatto irruzione nella camera dove entrambi stavano riposando, ed avrebbe iniziato a menare dei fendenti al solo scopo di ferirli, se non addirittura di ucciderli, senza dargli alcuna possibilità di difendersi.

L'unico ad essere riuscito ad evitare il peggio, grazie al suo coraggio e all'istinto di sopravvivenza, è stato proprio il padre del giovane che, in una manciata di secondi, è riuscito a schivare gli assalti del figlio, per poi bloccarlo e disarmarlo.

L'arrivo dei soccorsi. Non sono chiari i motivi dell'aggressione

Com'è accaduto qualche giorno fa nella terribile vicenda di un ragazzo trentenne che ha ucciso la madre ed è rimasto a sorvegliare il cadavere per tutto il giorno senza una motivazione, anche nel caso di Lucca non si riesce a spiegare quale sia stato il fattore che ha scatenato l'ira del quindicenne.

Fortunatamente l'aggressione, per i genitori del ragazzo, non ha avuto conseguenze gravi, ma se il padre non avesse avuto la prontezza di riflessi necessaria per togliere l'arma al figlio, insieme alla moglie avrebbero rischiato seriamente di morire.

La donna, dopo l'intervento salvifico del marito, è riuscita a chiamare i soccorsi che, giunti in poco tempo "in loco", hanno portato d'urgenza la signora al pronto soccorso più vicino per sottoporla a tutte le cure del caso.

Per fortuna la signora è riuscita a sopravvivere alla terribile aggressione del figlio, e se la caverà con una prognosi di quaranta giorni. Tuttavia il trauma sarà difficile da superare, soprattutto perché si tratta di una madre che ha visto scagliarsi contro di sé il figlioletto. Attualmente le indagini sono ancora in corso, e si cercherà di portare alla luce i motivi che hanno scatenato l'ira incontrollata e l'assalto armato del quindicenne toscano.