Continua con la massima attenzione, il lavoro delle forze di polizia contro il #terrorismo. L'Italia e, nello specifico, la Puglia, ancora una volta, si confermano terre prolifere di possibili terroristi [VIDEO]. Erano state fermate delle persone, con l'accusa di terrorismo, anche nei mesi scorsi, proprio nel Belpaese. Una donna egiziana, a novembre, fu espulsa dal Paese perché, secondo le indagini, progettava un attacco in Italia. Secondo gli inquirenti, Fatma (questo il nome della donna) aspettava probabilmente soltanto l'ordine dei suoi superiori per poi agire con un attacco terroristico in Italia. Gli inquirenti avrebbero subito messo sotto intercettazione le vie di comunicazione della giovane e della sua famiglia.

Oggi, venerdì 15 Dicembre, un'altra notizia scuote la Puglia ed i suoi cittadini: è stato arrestato a #foggia un uomo algerino per terrorismo internazionale. L'accusa è pesante per Yacine Gasry. L'uomo è stato rintracciato nella prima mattinata di oggi dai Carabinieri del Ros. Su Yacine Gasry pendeva un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L’uomo è stato infatti condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. L'accusa sostiene che Yacine Gasry dava sostegno logistico a formazioni terroristiche dell'Algeria. Lo stesso era stato già arrestato in passato.

Ancora terrore a New York, Trump: 'pena di morte per i terroristi'

La Puglia trema, dunque, proprio a pochi giorni dall'ennesimo atto terroristico che il mondo occidentale ha dovuto subire.

Qualche giorno fa, esattamente l'11 dicembre, infatti, c'è stata un'esplosione a New York, esattamente nella stazione centrale della Grande Mela. Il presunto attentatore è stato immediatamente fermato ed identificato: Akayed Ullah, ventisettenne originario del Bangladesh ma residente negli Stati Uniti ormai da svariati anni.

Lo stesso, aveva l'esplosivo addosso che, a quanto riportato dal New York Post, è esploso accidentalmente facendo rimanere ferito l'attentatore. Una foto postata dallo stesso New York Post mostra l'attentatore che è ferito ed ha riportato diverse bruciature sul corpo. Dunque, un vero e proprio colpo da kamikaze fortunatamente fallito. L'attentatore avrebbe detto: "Ho agito per vendetta, hanno bombardato il mio Paese e volevo fare del male qui." #Lecce