E’ una vigila importante per Agrigento: quella del responso sulla candidatura al prestigioso titolo di capitale della cultura nel 2020. Se la scelta cadrà sulla Città dei Templi, sarà certamente una svolta per questo capoluogo siciliano.

La Capitale italiana della Cultura per l’anno 2020 verrà scelta infatti domani venerdì 16 febbraio da una commissione istituita presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. La città che verrà designata per un anno avrà la possibilità di mettere in mostra la sua vita e il suo sviluppo culturale. L'iniziativa intende valorizzare i beni culturali e paesaggistici" e migliorare i servizi rivolti ai turisti.

In lizza per il titolo dieci città

Agrigento, la Città dei Templi, è in lizza per l’ambito riconoscimento per il 2020. Non si può certo dire che l’amministrazione comunale in carica, guidata dal Sindaco Calogero Firetto, non abbia fatto tutto il necessario per ottenere il titolo. Anche gran parte della società civile agrigentina ritiene che la città di Empedocle e di Pirandello possa legittimamente aspirare ad un riconoscimento prestigioso che darebbe anche una svolta alla sua storia.

Agrigento, sede di una civiltà che proprio nel 2020 ricorderà i duemilaseicento anni dalla sua fondazione, avvenuta nel 580 a.C., ha molti dei requisiti richiesti per poter trionfare in una gara che vede in lizza, oltre alla città siciliana anche Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Treviso.

Il suo patrimonio archeologico è di fama internazionale ed è meta ininterrotta di turisti che arrivano da tutti i continenti da diversi secoli per conoscere il sito della Magna Grecia che più di qualsiasi altro esprime la bellezza e la grandezza di quell’epoca classica ed indimenticabile. Si contano a migliaia i visitatori illustri che hanno voluto dipingere e raccontare nei secoli le vestigia dell’antica e potente Akragas. Negli ultimi mesi sono quasi un milione i turisti [VIDEO]arrivati nel parco archeologico, fotografano le sue bellezze e non mancano di fareun selfie, a testimonianza del potente richiamo che questo angolo della Sicilia, baciato dal Mediterraneo e dal clima mite, continua da secoli ad esercitare.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica

"E' una terra accogliente", ha detto papa Francesco salutando Agrigento

Una terra quella agrigentina che porta le testimonianze di una storia caratterizzata dalla presenza nel suo territorio di culture e popoli tra i più diversi che comunque hanno trovato ad Agrigento, nella Valle e nella collina dove di distende la città, una popolazione laboriosa, un clima mite, una natura assolutamente incantevole. Ma dove continuano a trovare anche accoglienza, come ha ricordato di recente lo stesso papa Francesco, salutando una delegazione di agrigentini.

“Esprimo apprezzamento per l’impegno di accoglienza e integrazione dei migranti. Grazie, grazie di quello che fate“ ha detto il papa durante uno dei recenti Angelus per salutare la delegazione agrigentina che si è recata a Roma per partecipare all’audizione al Ministero dei Beni Culturali per “Capitale italiana della cultura 2020”.

Dopo i greci, i romani, i bizantini, gli arabi, i normanni, gli svevi, gli aragonesi, gli spagnoli hanno scelto Agrigento come centro amministrativo e politico, lasciando testimonianze di ogni genere ancora oggi conservate nei suoi musei e nelle sue strade che solo negli ultimi decenni è stata ferita dall’abusivismo edilizio.

Ma la Valle dei Templi è stata salvaguardata, come ben riconoscono tutti coloro che vi arrivano e il centro storico si sta cercando di risanarlo con importanti progetti di recupero. Una città dove c’è ancora tanto da fare, in vari settori, per il suo sviluppo, ma proprio un riconoscimento come quello di Capitale della Cultura nel 2020 potrebbe costituire una splendida occasione per Agrigento per dare una svolta al suo futuro. Gli Agrigentini fiduciosamente attendono che domani a Roma si riconosca tutto il valore della loro storia e della loro cultura.

Agrigento più delle altre città in lizza ha bisogno oggi che l’Italia le dia fiducia. Tanto chiedono anche in Sicilia città come Taormina e molte altre che vedono in un simile riconoscimento anche un importante testimonianza di attenzione verso la Sicilia tutta

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto