POMIGLIANO - Un week-end da incubo per alcuni ragazzi, quello trascorso lo scorso sabato sera da alcuni ragazzi, giovani studenti universitari originari di Casalnuovo di Napoli, piccolo centro cittadino di provincia. Durante le ore notturne fra sabato 12 maggio e domenica 13 maggio 2018 il gruppetto di amici - due coppie di fidanzati - è stato bloccato e inseguito per molti kilometri, minacciato da 3 adolescenti alla guida di un unico motorino. Una serata tranquilla per i 4 licignanesi trascorsa in un pub del centro di Pomigliano D'Arco (città d'origine del leader del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio), uno dei tanti della movida del sabato sera.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Poi è accaduto il peggio, l'inaspettato. I tre ragazzini, probabilmente in stato di ebrezza, hanno iniziato a scagliare pugni e calci all'autovettura nella quale vi erano le 2 coppie di ragazzi 26-enni.

Questa triste storia è raccontata anche da un video, un breve filmato della durata di pochi minuti subito diventato virale in rete, girato da una delle vittime dell'aggressione [VIDEO], Alessio Colella, che ha voluto testimoniare così l'incubo che ha vissuto lo scorso sabato notte.

Il racconto

Come molti suoi coetanei, Alessio, assieme alla sua fidanzata e ad un'altra coppia di amici stavano trascorrendo una serata per rilassarsi, svagarsi e divertirsi. All 1:30 di notte circa - come ci racconta Alessio nel video - i 4 giovani si sono messi in auto per ritornare a casa. Su via Roma, strada principale del centro storico di Pomigliano d'Arco [VIDEO], l'auto dei 4 ragazzi viene affiancata da 3 minorenni a bordo di uno scooter. Ecco che inizia la follia criminale dei tre adolescenti.

Tanta paura per i ragazzi in auto, soprattutto per le due ragazze sedute sui sedili posteriori che si sono viste letteralmente assalite dal gruppetto di scalmanati, che hanno cercato ripetutamente - ma invano fortunatamente - di tentare di aprire la portiera posteriore del lato guidatore.

La fuga

I 4 studenti sono così rimasti in ostaggio della baby-gang che urlava e li insultava in continuazione, probabilmente per sconfiggere - a modo loro - la monotonia e la noia di un sabato sera tranquillo. I bulli hanno inseguito l'auto per circa dieci minuti. Intanto, le vittime dell'inseguimento hanno avvertito i carabinieri della vicina stazione di Casalnuovo di Napoli. Solo nei pressi della strada statale 7 Bis - Via Nazionale delle Puglie, precisamente all'altezza della frazione di Tavernanova di Pomigliano D'Arco l'automobile è riuscita a prendere velocità, seminando in questo modo lo scooter che li inseguiva.