Questa notte intorno alle due ad Aprilia un’auto con targa straniera con a bordo due immigrati di colore si aggirava con fare sospetto in una zona tenuta d’occhio dagli abitanti perché già oggetto di numerosi furti. L’auto è fuggita a tutta velocità inseguita da tre uomini del luogo ma è finita fuori strada. A quel punto due dei tre italiani sono scesi, il guidatore è fuggito e il marocchino al posto del passeggero della Megane in fuga potrebbe aver avuto una discussione con gli inseguitori.

Saranno le telecamere di sorveglianza a stabilire se la sua morte è dovuta alle lesioni riportate nell’incidente o ad un pestaggio dei due uomini, che sono entrambi indagati a piede libero. Un terzo inseguitore rimasto a bordo della macchina non è indagato. Nell’auto degli immigrati sono stati trovati arnesi da scasso e il nordafricano morto ha precedenti per furto e documenti falsi.

Gli abitanti sono costretti a farsi giustizia da sé

Nonostante il fare sospetto dell’auto abbia indotto alcuni abitanti a chiamare il 118, sono stati gli inquilini degli appartamenti a far fuggire sgommando la macchina coi due stranieri a bordo.

Il quartiere è già stato oggetto di numerosi furti negli ultimi tempi, al punto che i cittadini sono costretti a fare la ronda a turno. La zona di via Guardapasso è in un quartiere residenziale di Aprilia ed è stata forse l’esasperazione per la paura di essere derubati ancora a far scattare l’inseguimento terminato tragicamente. L’auto dei marocchini è finita fuori strada nei pressi di via Nettunense e quando sono giunte sul posto le forze dell’ordine hanno trovato un marocchino di 43 anni morto e dentro la vettura uno zaino pieno di arnesi da scasso.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Politica

Il sospetto è che ci sia stato un diverbio con i tre abitanti di via Guardapasso ed il presunto ladro sia morto in seguito alle percosse. Saranno le telecamere di sorveglianza di alcuni negozi della zona a chiarire ogni cosa.

Gli inseguitori indagati a piede libero

La Renault è stata inseguita per circa 5-6 minuti verso il mare e in via Nettunense è andata a sbattere contro un muretto.

Il guidatore è subito fuggito, mentre il passeggero probabilmente è stato affrontato da due dei tre uomini che erano sull’altra macchina. La ricostruzione dei fatti sarà possibile solamente dopo la visione dei filmati delle telecamere installate nella zona e la morte del marocchino sarà chiarita in seguito all’autopsia. Nel frattempo due dei tre inseguitori sono stati indagati a piede libero.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto