Alcuni giorni fa era stata riportata la notizia di una ronda di CasaPound [VIDEO], dove alcuni militanti hanno pattugliato la spiaggia di Ostia con l'obiettivo di allontanare i venditori abusivi. Il fatto, che aveva destato non poche polemiche, viene ora ripreso dall'azienda Radical Chic, che risponde lanciano una contro-iniziativa che prende il nome di 'ronda buonista'.

L'azienda e la sua linea d'abbigliamento

Si tratta di un'azienda no profit che è da poco entrata nel mercato online dell'abbigliamento, proponendo una linea di magliette e accessori caratterizzati da scritte e simbologie che hanno il netto intento di prendere una posizione Politica.

A capo dell'impresa c'è Umberto Mastropietro, un cittadino italiano che da anni risiede in Germania e che sottolinea i buoni propositi dell'attività, la quale non ha alcun scopo di lucro. Il ricavato delle vendite, infatti, è diviso fra le spese di produzione e il rimanente, che viene devoluto in beneficenza ad Emergency. L'attività, che in breve tempo ha riscontrato una discreta popolarità, pare non volersi fermare solo alle stampe e alle t-shirt, ma di voler organizzare anche dei veri e propri eventi. Il primo, previsto per la giornata di domani, è stato chiamato 'ronda buonista', per rimarcare la contrapposizione a quella fatta da CasaPound.

In cosa consiste la 'ronda'

In realtà, più che di 'ronda', sarebbe il caso di parlare di giornata all'insegna della tolleranza [VIDEO]e della condivisione, dal momento che è previsto un ritrovo in spiaggia in cui si vieta l'uso di qualsiasi oggetto che possa ferire o recare danni.

L'evento, come riporta la pagina Facebook dell'azienda, si terrà nel Lungomare Duca degli Abruzzi, una zona ad eccesso libero del litorale romano. Sempre sul social, si legge anche un commento dei gestori, che presentano il progetto affermando che ''Dopo i simpatici exploit di Casapound, non vorremmo dare l'impressione che i fascisti facciano parte della fauna del litorale. Vi invitiamo quindi ad una giornata al mare, una semplice giornata a tema Radical Chic''. Gli stessi hanno anche suggerito delle indicazioni riguardo al dress code e a cosa portare, chiedendo ai partecipanti di essere ''colorati e appariscenti'', di indossare le maglie ufficiali del marchio (o delle maglie rosse, richiamando l'omonima manifestazione) e di portare con sé strumenti musicali e bandiere. L'unico obbligo che si chiede di rispettare, come detto in precedenza, è quello di non giungere sul posto con armi improprie, oggetti contundenti o altro materiale che possa essere pericoloso per l'altrui incolumità.