Venerdì 31 agosto, dalle 10.30, si svolgerà "Caccia di fossili", una caccia al tesoro rivolta ai bambini dai sei ai dodici anni con l'obiettivo di far conoscere, giocando, il Sentiero geologico urbano di Petralia Sottana. Il gioco prevede sei postazioni in cui i bambini e le bambine avranno la possibilità di conoscere le realtà geologiche del territorio del comune madonita, attraverso una gara di orienteering e piccole prove da superare lungo il percorso.

Il Sentiero Geologico Urbano

Un tracciato originale, lontano dai soliti schemi, di grande fascino, scaturito dal dialogo di diversi professionisti del settore: i fratelli Fabio e Alessandro Torre dell'associazione Haliotis e i fratelli Enzo, Michele e Giuseppe Carapezza dell'associazione l'Etno-Museo 'u Parmintieddu, nell'ottica della valorizzazione del territorio interno e delle zone limitrofe che riescono ad unire in maniera naturale sia gli aspetti geologici sia le testimonianze dell'attività dell'uomo ad esse legate.

Con la volontà dell'Amministrazione comunale di Petralia Sottana e dell'Ente Parco delle Madonie, il sentiero contribuisce allo sviluppo del Geopark delle Madonie. L'idea del Sentiero è stata portata all'European Geopark di Belfast già nel 2006. Il percorso è stato realizzato interagendo con due strutture museali profondamente diverse ma entrambe legate alla pietra da specifiche prospettive di ricerca: il Museo Geologico del Geopark e l'Etno-Museo 'u Parmintieddu, ottenendo così un'unione tra la scienza delle rocce e la cultura popolare della lavorazione delle stesse.

Il significato geologico dei calcari di Petralia Sottana

Gli affioramenti calcarei su cui è edificato buona parte del centro storico di Petralia Sottana possiedono una particolarità; sono costituiti in prevalenza da piccole colonie di coralli costruttori completamente fossilizzate, in cui si evidenziano i generi: Porites e Tarbestrallea, oltre che i Briozoi (forme coralline incostanti).

L'età relativa di questi sedimenti si aggira nell'ordine di circa otto-dieci milioni di anni fa. La geologia del substrato di Petralia fu studiata nel dettaglio dal geologo Giuseppe Torre. I calcari si presentano spesso vacuolari, discontinui e cavernosi; ciò in relazione sia all'energica e complessa tettonizzazione che hanno subito queste porzioni di territorio, che un maturo processo carsico, il cui prodotto finale è ben visibile attraverso le numerose grotte riscontrabili all'interno dell'abitato di Petralia Sottana [VIDEO]. Episodicamente, in associazione agli affioramenti calcarei, è possibile scorgere lenti di conglomerati poligenici in cui prevalgono ciottoli di quarzareniti del Flysch Numidico, oppure, lembi di sabbia argillosa e/o arenaria quarzosa. Inoltre, stratigraficamente al di sotto delle porzioni calcaree, si rinvengono orizzonti calcarenitici in cui si possono osservare ricche faune marine dove emergono: molluschi, ostracodi, resti di echinidi e foraminiferi. Nel Sentiero geologico urbano rientrano: il Corso "Paolo Agliata", le Sorgenti di "Contatto", la chiesa Madre, la chiesa di San Pietro, il museo Geologico del Geopark "Collisani", i ruderi del Castello, la Badia, l'Etno-Museo 'u Parmintieddu, l'Albero monumentale, l'antica Neviera, l'ex Convento dei Reformati, la Cava della "Gasena", le Grotte di Petralia e la Croce della Rocca.

Dichiarazione dell'assessore Lucia Macaluso

"Innanzitutto, come operatore locale di progetto, voglio ringraziare i ragazzi del Servizio civile nazionale "Viaggio tra storia, cultura e memoria" che hanno centrato in pieno uno degli obiettivi programmatici che verteva nel coinvolgimento dei bambini e dei ragazzi alle attività museali, culturali e turistiche del territorio - ha commentato Lucia Macaluso - Loro è stata l'idea di organizzare la caccia a tesoro a seguito di un lavoro che avevamo suggerito, il "quaderno del museo" per una fruizione coinvolgente e didatticamente divertente del Museo civico "Antonio Collisani" e il "percorso geologico urbano Joung" e ci siamo impegnati affinché queste piccole pubblicazioni vengano stampate al più presto. Come amministrazione - ha aggiunto - riteniamo che il coinvolgimento delle giovani generazioni è fondamentale per il turismo e la valorizzazione dei beni culturali del territorio, basta trovare una chiave di fruizione e gli strumenti idonei a queste fasce d'età. Stiamo lavorando a programmazioni e strumenti che possano rendere accattivante e appassionante la storia, l'Arte e la natura che ci caratterizzano in collaborazione con strutture e associazioni turistico culturali", ha concluso l'assessore.

Il commento di Alessandro Torre, direttore del museo civico "Antonio Collisani", tra gli ideatori del Sentiero Geologico Urbano

"Il Museo civico "Antonio Collisani" è costituito da due sezioni: una archeologica e l'altra geologica. La sezione geologica, dedicata al geologo petralese Giuseppe Torre, è strettamente legata al Madonie Geopark, nel cuore del Parco delle Madonie, adesso territorio riconosciuto dall'Unesco; ed è per questo - ha ricordato Alessandro Torre - che è nato il sentiero geologico urbano di Petralia Sottana (primo in Europa), sentiero che attraversa il centro storico del paese e si inerpica fino al bellissimo punto panoramico della "Croce". Una piacevole passeggiata dove si ha la possibilità di ammirare degli splendidi fossili e nel contempo di visitare alcune chiese, in cui inaspettatamente si trovano alcuni bellissimi fossili nelle colonne interne. Attualmente - ha aggiunto il direttore del "Collisani" - grazie alla sinergia che si è creata tra l'amministrazione, il direttore del museo con il Cts e i ragazzi del servizio civile nazionale sono nate diverse iniziative. Infatti, per tutto il mese di agosto, il museo ospita due mostre, una dello scultore Vincenzo Gennaro e l'altra filatelica. Tra le iniziative portate avanti con i ragazzi del servizio civile nazionale, che si sono dimostrati una delle anime vitali del museo, mi piace ricordare i diversi brevi documentari che toccano svariati temi; dal Sentiero geologico urbano di Petralia Sottana al Geosito Sant'Otiero, dal suo territorio geoarcheologico, fino alle bellezze artistiche del comune madonita. Questi video sono visionabili sia su Facebook nella pagina del museo civico "Antonio Collisani" che su Youtube - ha ricordato Torre - Si vuole dare un indirizzo di dinamicità al museo, infatti, mostre e iniziative di promozione culturale saranno in programma al "Collisani"; una particolare attenzione è sempre stata rivolta alle scuole di ogni ordine e grado; per questo motivo volendo far conoscere ai più piccoli il museo con il suo sentiero, i volontari del servizio civile hanno proposto il sentiero geologico urbano di Petralia Sottana a "Caccia di fossili", come un gioco di orienteering e piccole prove alla ricerca dei famosi fossili. Grazie ad una continua promozione culturale e all'apertura giornaliera, oltre che notturna per alcuni eventi significativi come la Notte del Cinema e il Jazz manouche - ha concluso - si punta ad aumentare ulteriormente l'affluenza al museo".

Il video del Sentiero geologico urbano pubblicato dall'Ufficio turistico del comune di Petralia Sottana su Youtube

Premi e modalità di iscrizione "Caccia di fossili"

Le iscrizioni potranno essere effettuate entro e non oltre il 30 agosto attraverso tre modalità: registrandosi al format "https://goo.gl/forms/UtS8kjrC3qFjsGPC3", chiamando il numero 0921641811 o di persona all'Ufficio turistico di Petralia Sottana. Ai partecipanti verrà fornita una mappa del sentiero e tutti riceveranno l'attestato di "Giovane geologo". I primi tre vincitori riceveranno una medaglia.