Aveva 188 passeggeri a bordo il volo JT610 che si è schiantato intorno alle 6,20 di oggi al largo di Giacarta, Indonesia. Lo conferma Yusuf Latif, portavoce ufficiale dell'agenzia di ricerca e soccorso locale.

Tredici minuti dopo il decollo si erano persi tutti i contatti con il velivolo, un Boeing 737 MAX 8 in grado di trasportare fino a 200 passeggeri. L'atterraggio era previsto per le ore 7.20 all'aeroporto di Pangkal Pinang.

L'allarme è scattato fin dai primi minuti e dalle segnalazioni provenienti dal porto di Tanjung Priok, nel Nord di Giacarta, si è appresa la notizia della drammatica sciagura: detriti in mare.

Un ufficiale del traffico navale ha dichiarato al Jakarta Post di aver ricevuto un rapporto da un rimorchiatore che avrebbe identificato l'aereo precipitato intorno alle 6.45 ora locale. La conferma immediatamente dopo da un tweet di Sutopo Purwo Nugroho, portavoce dell'Agenzia Indonesiana dei Disastri: il tweet rimanda a un video che mostra chiazze d'olio e detriti in mare.

L'ulteriore conferma arriva più tardi.

"Sono stati trovati detriti vicino al sito dello schianto" ha dichiarato Muhammad Syaugi, capo dell'agenzia di ricerca e soccorso. "Non sappiamo ancora se ci siano sopravvissuti" , aggiunge. Poi conclude drammaticamente: "Noi speriamo, preghiamo. Ma non possiamo confermare nulla".

Una petroliera e una nave mercantile si trovavano sulla rotta e si sono avvicinate ai detriti per dare manforte alla nave di ricerca e soccorso immediatamente recatasi sul luogo del disastro.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Detriti dell'aereo precipitato sono stati trovati perfino vicino ad un impianto di raffinazione off-shore al largo del Mar di Giava, come dichiara un funzionario di Pertamina, la Azienda Energetica Statale.

Un funzionario del comitato per i trasporti di sicurezza dell'Indonesia ha dichiarato di non poter confermare la causa dello schianto: occorrerà attendere il faticoso recupero delle scatole nere del velivolo prima di potersi sbilanciare. Secondo quanto dichiara, tuttavia, i dati del registratore vocale e di volo sarebbero noti.

"Raccoglieremo tutti i dati dello schianto dalla torre di controllo", ha affermato Soerjanto Tjahjono.

"L'aereo è davvero moderno, trasmette dati aereo in tempo reale. Esamineremo quei dati. Tuttavia la scatola nera è la più importante"

Già: aereo moderno. Too Big to Fail, direbbe qualcuno. L'incidente è il primo sulla versione Boeing 737 MAX ampiamente venduta e aggiornata, considerata la più efficiente dal punto di vista della sicurezza.

I primi velivoli di questo tipo sono stati commercializzati soltanto nel 2017. Secondo alcuni tweet della Boeing, che recepisce i rapporti sugli incidenti, la situazione è "attentamente monitorata"

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto