Una donna di 69 anni è morta dopo essersi sottoposta ad una gastroscopia presso la clinica marchigiana Marchetti. La signora, residente a Montelupone in provincia di Macerata era stata accompagnata dal marito in ospedale dove doveva effettuare un'analisi che rientra nella routine per tutte le persone che hanno problemi al tratto digerente.

Verso le ore 14 però, terminato l'esame, la donna ha iniziato a sentirsi male e a vomitare sangue per poi finire a terra priva di sensi. Prontamente è assistita dai medici che hanno cercato di rianimarla, ma per lei non c'è stato nulla da fare.

Sul corpo della donna il magistrato ha disposto l'autopsia e la squadra mobile sta indagando per accertare se ci sono state responsabilità dei medici e se la donna è morta per colpa dell'esame. Intanto però si doffonde il timore che si possa trattare di un caso di malasanità.

Che cos'è la gastroscopia

La gastroscopia rientra negli esami di routine che vengono effettuati in cliniche e ospedali. Consiste nell'inserire un tubo flessibile dotato di una micro telecamera all'estremità che dalla bocca viene calato nell'esofago, per poi passare nello stomaco e fino all'inizio dell'intestino tenue.

Tramite questo esame mini invasivo è possibile verificare il corretto funzionamento dell'apparato digerente ed effettuare diagnosi di anomalie dei tessuti o lesioni tumorali.

Un'esame che, dati alla mano, presenta meno dello 0,05% di probabilità di insorgenza di complicazioni e un caso di perforazione dei tessuti avviene nello 0,03% dei casi quasi sempre per motivi anatomici. Quindi una percentuale molto bassa a testimoniare il caso straordinario di Macerata che soltanto l'autopsia aiuterà a capire.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera Salute

Efficienza sistema sanitario, Italia quarta al mondo

Proprio nei giorni scorsi, il Bloomberg Health Care Efficiency ha reso noto un dossier, stilato mettendo a confronto i dati ONU e dell'organizzazione mondiale della sanità, per valutare l'efficienza dei sistema sanitario nazionale in 56 paesi nel mondo con più di 5 milioni di abitanti.

Ebbene, rispetto all'anno scorso, l'Italia ha scalato due posizioni piazzandosi al 4° posto dietro Singapore, Hong Kong e Spagna. Per trovare le altre grandi nazioni europee bisogna scorrere la classifica fino al 16° posto per la Francia, mentre Gran Bretagna e Germania si trovano rispettivamente al 35° e 45° posto in classifica.

In fondo troviamo gli Stati Uniti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto