Tre ragazzi originari di Catania, sono stati arrestati dai Carabinieri catanesi accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una ragazza di origini statunitensi. La giovane, da alcuni mesi a Catania, era una ragazza alla pari e svolgeva le mansioni di baby-sitter per una famiglia catanese.

Violenza: 3 giovani arrestati

Secondo quanto dichiarato dalle fonti, la vittima che ha subito gli abusi è stata violentata fisicamente e sessualmente in una zona buia adiacente a piazza Europa. I tre giovani accusati, Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato di 19 anni, Roberto Mirabella di 20 anni, dopo esser stati fermati lo scorso 21 marzo e dopo esser stati sottoposti dagli inquirenti ad un interrogatorio immediato, sono stati arrestati dai Carabinieri di Catania e condotti presso la casa circondariale di piazza Lanza, in seguito alla richiesta emanata dal Gip che ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare presso il suddetto carcere.

Pubblicità

La confessione della vittima

Secondo quanto raccontato agli inquirenti dalla vittima, che non parla bene la lingua italiana ma riesce a comprendere ciò che le viene detto, la violenza è avvenuta nella tarda notte del 15 marzo, quando la giovane statunitense si trovava con una sua amica nei pressi di un noto bar sito in via Teatro Massimo.

La ragazza ha raccontato di essere stata avvicinata dai 3 aguzzini, che, dopo averle offerto da bere, l’avrebbero convinta a recarsi in un altro bar presente nelle zone limitrofe.

Una volta raggiunta la destinazione proposta dai ragazzi, questi avrebbero convinto la vittima ad avvicinarsi all’automobile parcheggiata nella zona, appartenente ad uno dei 3, e successivamente l’avrebbero costretta a salirci a bordo.

L’incubo della giovane ragazza, secondo quanto dichiarato dalla stessa, è iniziato proprio in quel momento: uno dei tre ragazzi, l’avrebbe inizialmente minacciata dicendole di stare zitta e l’avrebbe più volte percossa. La vittima, spaventata, durante la sua permanenza all'interno dell’automobile avrebbe cercato ripetutamente di contattare telefonicamente il 112, ma uno dei suoi 3 aguzzini se ne sarebbe accorto, motivo per cui le è stato impedito di effettuare la chiamata.

Pubblicità

Filmano l'abuso e lo inviano alla vittima

I 3 catanesi, dopo aver parcheggiato l’autovettura in una zona limitrofa a piazza Europa, secondo quanto denunciato dalla vittima, avrebbero cominciato la loro violenza di gruppo abusando della ragazza a turno. Il tutto, sarebbe stato ripreso dai 3 ragazzi tramite la videocamera di un cellulare.

La mattinata seguente, uno dei tre ragazzi ha inviato il suddetto video alla vittima tramite social network, richiedendole un ulteriore incontro; questa, incoraggiata dalla madre e dalla sorella, ha sporto denuncia ed ha mostrato agli inquirenti il video in questione.