A distanza di quasi un mese dal ritrovamento dei corpi dei due alpinisti, Daniele Nardi e Tom Ballard, che dal 24 febbraio vennero dati per dispersi sul Nanga Parbat, in Pakistan, i loro amici e colleghi, hanno voluto ricordarli, depositando, sulla roccia del campo base, una placca di latta.

A depositare la targa in loro memoria, infatti, sono stati, Txikon e il collega Ignacio De Zuloaga, colui che aveva pilotato i droni alla ricerca dei suoi colleghi-amici.

Sulla placca di latta, sono stati incisi i nomi dei due alpinisti e la data della loro morte, avvenuta, probabilmente, il 25 febbraio, a 5.900 metri. La morte dei due alpinisti è avvenuta per cause ancora da accertare: alcuni ipotizzano possa trattarsi di una valanga, altri un infortunio avvenuto durante la scalata e, come conseguenza, un assideramento.

Difficile il recupero dei corpi

I corpi di Daniele e Tom, che sono stati avvistati diverse settimane fa a 5900 metri di altezza sulla via “impossibile”, mai percorsa fino ad ora, e cioè sullo Sperone Mummery, si trovano ancora in quel punto della montagna.

A causa della pericolosità della zona e delle difficoltà tecniche di raggiungere il luogo, sarà infatti complicato, in questo periodo, il recupero dei due corpi: per questo l’alpinista bergamasco, Simone Moro, che ha raggiunto la vetta del Nanga Parbat nell’inverno del 2016 e che conosce molto bene la montagna che ha ucciso Daniele e Tom, si è proposto per raggiungere quel luogo e recuperare i cadaveri dei due alpinisti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Moro che adesso aspetta solo l’ok dei familiari, nel frattempo, si sta preparando ed allenando per essere pronto, nel caso del consenso, al recupero.

Diversamente, è stato più facile recuperare dal campo base e restituire ai familiari, una parte del loro materiale, comprendente i loro effetti personali: l’attrezzatura e i computer portatili.

Nardi e Ballard cercavano di compiere un’impresa straordinaria

Nardi a Ballard stavano cercando di compiere un’impresa particolare, finora mai realizzata: desideravano arrivare in cima del Nanga Parbat, la nona montagna più alta del mondo, a 8.125 metri di altezza, salendo per lo “sperone Mummery”.

Il Nanga Parbat, soprannominata anche “the killer mountain” e cioè “ montagna assassina”, è il secondo ottomila (dopo l'Annapurna) più arduo: infatti, il rapporto tra il numero delle vittime ed il numero degli scalatori giunti in vetta è circa del 28%.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto