Una terribile tragedia si è verificata nel tardo pomeriggio di ieri a Trinitapoli, cittadina non lontana da Foggia, che attualmente ricade nella nuova provincia pugliese di Barletta -Andria-Trani (Bat). Secondo quanto si apprende dalla stampa locale e nazionale, un uomo di 63 anni, Damiano Carbone, ergastolano e presunto esponente di spicco della criminalità organizzata dauna, è stato raggiunto da alcuni colpi di fucile caricato a pallettoni, i sicari avrebbero sparato anche con una pistola. Su quanto accaduto stanno indagando i Carabinieri, probabilmente il dramma si inquadra nella spietata guerra di mafia che da qualche tempo vede protagonista il foggiano. La vittima è stata uccisa a pochi passa da casa sua.

L'uomo era in auto

Carbone al momento dell'agguato si trovava in auto, insieme a lui c'era un'altra persona, di cui non sono state fornite le generalità. Questo secondo soggetto è fortunatamente scampato alla morte e rimasto, a quanto sembra, illeso. Ascoltato dai militari dell'Arma non ha saputo fornire elementi utili. Secondo quanto riferisce l'agenzia Ansa, che riporta una primissima ricostruzione dei fatti operata dagli inquirenti, Carbone è stato affiancato da almeno due soggetti che viaggiavano a bordo di una Jeep Renegade.

I killer avrebbero agito ovviamente a volto coperto e sarebbero stati incappucciati. Anche il passeggero che si trovava con Carbone sarebbe un pregiudicato, già noto alle Forze dell'Ordine. Proprio la vettura utilizzata dagli assassini è stata trovata nella tarda serata di ieri completamente devastata dalle fiamme nelle campagne alle porte di Trinitapoli. Visto che l'episodio, come detto, potrebbe inquadrarsi nella guerra di mala in atto a Foggia e dintorni, non è escluso che l'inchiesta ora passi nelle mani della Dia (Direzione investigativa antimafia).

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

L'uomo beneficiava di alcuni periodi ai domiciliari

Damiano Carbone, pur essendo condannato all'ergastolo per un omicidio e per un tentato omicidio, per problemi di salute beneficiava da diverso tempo di alcuni periodi ai domiciliari, e proprio per questo ieri si trovava fuori dalla casa circondariale. Per tutta la notte gli inquirenti hanno ascoltato i parenti della vittima, nonché eseguito le prove Stub, degli esami specifici che rivelano la presenza di polvere da sparo sulla pelle e gli indumenti delle persone.

Sono state eseguite anche perquisizioni nelle abitazioni di alcuni pregiudicati. La tragedia avviene a pochissime ore da un altro grave fatto di cronaca avvenuto a Cagnano Varano, nel foggiano sempre, dove, come si ricorderà, un maresciallo dei Carabinieri ha perso la vita durante un'improvvisa sparatoria avvenuta nella piazza centrale del paese. A sparare, in quell'occasione, fu un pregiudicato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto