Non c'è verso per i migranti di entrare nelle acque territoriali italiane, e per questo adesso la capitana della Sea Watch 3, Carola Rackete, ha preso la decisione finale, ovvero quella di provare a sfondare il blocco ed entrare in acque territoriali italiane, con tutte le conseguenze del caso. A renderlo noto è la stessa Ong, che ha riferito che ormai la situazione a bordo è insostenibile, e i migranti, così come tutto l'equipaggio, sembra come se stessero in prigione.

Pubblicità
Pubblicità

A bordo ci sono ancora 43 richiedenti asilo. La numero uno della Sea Watch 3 ha riferito che adesso aspetterà il parere della Corte europea dei diritti umani, poi, dopo aver preso atto della loro decisione, si dirigerà verso Lampedusa, o comunque le coste italiane, facendo sbarcare i migranti e mettendoli così in salvo.

Hanno solo 3 metri quadri di spazio a testa

A descrivere la situazione sul natante della Ong è la stessa Rackete, la quale sulle pagine di Fan Page ha riferito che i migranti hanno solo 3 metri quadri di spazio a testa.

Pubblicità

La nave è in balia delle onde, e si trova non lontano dalle coste italiane, ma l'Esecutivo italiano si rifiuta di farli entrare. Proprio per questo la Ong ha deciso di infischiarsene delle leggi vigenti in Italia, e che la vita di queste persone vale molto di più di qualsiasi gioco politico o incriminazione. La capitana è ben conscia che le conseguenze di un gesto simile potranno avere. Infatti, qualunque imbarcazione sbarchi migranti irregolari in Italia, viene puntualmente sequestrata e prima di tutto il capitano può essere accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina o addirittura di associazione a delinquere.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Politica

"Lo so, ma io sono responsabile delle 42 persone che ho recuperato in mare" - ha riferito la Rackete alla stampa nazionale. Insomma la Ong non c'è la fa davvero più, e per questo si auspica che una decisione venga presa il più presto possibile.

Matteo Salvini: 'La Sea Watch vada in Olanda'

Sulla vicenda è intervenuto nelle scorse ore anche il vicepremier e ministro dell'Intero, Matteo Salvini, il quale, in un suo post pubblicato sulla sua pagina ufficiale Facebook ha dichiarato, senza troppi giri di parole, che la nave Ong, Sea Watch 3 batte bandiera olandese, mentre l'associazione umanitaria che ne è proprietaria è tedesca.

Per questo i migranti, a detta di Salvini, dovrebbero sbarcare in Olanda, precisamente ad Amsterdam, e poi essere ripartiti tra Germania e la stessa Olanda. Dal canto suo al vicepremier risponde la capitana Rackete, che informa il politico nostrano che è impossibile circumnavigare tutta l'Europa e che "non è colpa nostra se in Libia c'è la guerra". Nel pomeriggio dovrebbe arrivare la decisione finale della Corte di Strasburgo.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto