I funerali di Nadia Toffa si sono celebrati a Brescia, a partire dalle 10.30 di oggi 16 agosto. Centinaia di persone hanno accolto il feretro, nel Duomo della città lombarda, con un calorosissimo applauso.

L'ultimo saluto di parenti e colleghi

La popolare giornalista de Le Iene è stata salutata per l'ultima volta dalla famiglia, dai colleghi, gli amici e numerosi ammiratori arrivati da tutta Italia.

A officiare la messa il parroco di Caivano (Napoli), don Maurizio Petriciello, proveniente da una terra al centro delle sue inchieste: la Terra dei Fuochi. Tantissime persone hanno seguito il funerale in diretta streaming, anche se non è stato consentito l'accesso delle telecamere all'interno della chiesa.

Prima della celebrazione dei funerali Davide Parenti, l'ideatore e autore tv de Le Iene, ha deposto una cravatta nera sulla bara.

L'accessorio è il simbolo della "divisa" dei protagonisti del noto show di Italia 1 e sta a ricordare le numerose battaglie portate avanti dalla giornalista attraverso il programma.

Il calore della comunità della città tarantina

Presente anche una delegazione tarantina che è arrivata nella città lombarda con dei mezzi di trasporto messi a disposizione dal Comune guidato dal sindaco Rinaldo Melucci e dal Presidente del Taranto Calcio, Massimo Giove.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Le Iene

Nadia Toffa era diventata cittadina onoraria della città pugliese su delibera del Consiglio Comunale, come segno di riconoscimento del valore delle sue lunghe battaglie contro l'inquinamento causato dal polo siderurgico.

Lo stato di salute di numerosi cittadini, soprattutto bambini, residenti nei pressi dell'ex Ilva è stato sempre a cuore alla giornalista, che con la città tarantina aveva instaurato un legame profondo e speciale.

Gli amici del Minibar dei Tamburi hanno partecipato alle esequie indossando una maglietta simbolo del progetto benefico di cui la Toffa era protagonista, con una scritta in dialetto "Ie jesche pacce per te" (io esco pazzo per te).

In ricordo della giornalista, la mattina del 14 agosto è stata anche celebrata una messa nella chiesa Gesù Divin Lavoratore, del rione Tamburi, al centro di moltissimi servizi televisivi a causa della vicinanza con l'acciaieria.

Tutti i cittadini di Taranto hanno ringraziato il primo cittadino per aver permesso loro di partecipare alle esequie della giovane donna che molto ha rappresentato per loro.

La toccante omelia

Durante la cerimonia,don Maurizio Petriciello ha spiegato perché Nadia Toffa ha ricevuto così tanto affetto: le sue innumerevoli battaglie in difesa dei più deboli, la sua autenticità e il suo carattere forte hanno, in poco tempo scavato una strada nel cuore di tutti: "Sei stata capace di mettere l'Italia sotto sopra, l'Italia in subbuglio in questi giorni, sei stata capace di unire nord e sud, la terra dei fuochi con Brescia, sei entrata nel cuore di tutti".

Il parroco ha invitato tutti a prendere esempio dal lavoro e dalla vita della giornalista: "Nadia, hai raccontato la tua paura, le tue speranze, la tua è stata vita sino all'ultimo respiro. Hai capito che la vita è vita anche quando si fa pensare".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto