Il comitato di emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), al termine di una riunione durata oltre 5 ore, ha proclamato lo stato di "Emergenza Internazionale di Salute Pubblica" (PHEIC) a causa della diffusione del coronavirus.

Il direttore generale ha specificato che "il motivo della dichiarazione non è quanto sta succedendo in Cina, ma quello che sta succedendo negli altri Paesi". Il comitato, tuttavia, non vuole creare inutili e ingiustificati allarmismi, pertanto "non raccomanda di limitare i viaggi, il commercio e gli spostamenti" e invita alla trasparenza e alla corretta informazione tra i Paesi.

La conferenza di ieri sera corregge la precedente valutazione dell'Oms, che lo scorso 24 gennaio aveva ritenuto il rischio moderato, nonostante il riconoscimento della gravità della situazione da parte degli esperti e lo stretto monitoraggio da parte delle autorità sanitarie.

Cos'è la dichiarazione di Emergenza Internazionale di Salute Pubblica

Si tratta essenzialmente di un "allarme globale", causato da un "evento straordinario, inatteso e inusuale" che "abbia implicazioni per la salute pubblica internazionale e richieda un'azione immediata". In altre parole, il comitato di esperti dell'Oms afferma la necessità di un coordinamento a livello internazionale, in modo da far fronte comune contro il coronavirus ed arginarne la diffusione globale.

Ricordiamo che la dichiarazione di emergenza internazionale è stata già proclamata altre cinque volte dall'Oms, in occasione dell'influenza suina (2009), della polio e dell'Ebola (2014), dell'epidemia del virus Zika (2016) e dell'epidemia di Ebola in Congo (2019).

Il punto sulla situazione internazionale

Allo stato attuale delle informazioni sono stati accertati circa 8 mila casi di contagio da coronavirus 2019-nCoV in tutto il mondo; la maggior parte di questi si troverebbe in Cina, con un bilancio di 210 morti e 8124 contagiati.

La commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, ha dichiarato recentemente, durante la riunione del Parlamento a Bruxelles, che i casi di contagio verificati in Europa sono 10, di cui 5 in Francia, 4 in Germania e 1 in Finlandia, a cui si aggiungono i due casi appena confermati in Italia; 8 sarebbero invece quelli accertati tra Stati Uniti e Canada.

Il coronavirus è arrivato anche in Italia

Nelle ultime ore il premier italiano Giuseppe Conte ha confermato i primi due casi di contagio da coronavirus anche in Italia : si tratta di una coppia di turisti cinesi che ha manifestato i primi sintomi mentre si trovava a Roma.

I due turisti, atterrati a Milano Malpensa lo scorso 24 gennaio, erano giunti nella Capitale dopo una serie di tappe intermedie e alloggiavano all'Hotel Palatino di Roma; sono stati entrambi ricoverati ieri sera all'ospedale Lazzaro Spallanzani, definito da Conte "una Bibbia in questo settore", mentre la loro stanza è stata isolata e gli altri ospiti dell'albergo, comprensibilmente preoccupati, saranno sottoposti ad accertamenti: al momento, tuttavia, nessuno di loro manifesta sintomi di contagio.

il premier Conte invita a non farsi prendere da panico immotivato, sottolineando che la situazione è "pienamente sotto controllo", che sono in corso "attente verifiche per ricostruire il percorso dei due turisti cinesi" con l'obiettivo di "isolare i loro passaggi ed evitare ulteriori rischi". Intanto, il ministro della salute Roberto Speranza ha disposto il momentaneo blocco del traffico aereo da e per la Cina, a scopo precauzionale.

Nessun allarmismo sociale

Una delle maggiori preoccupazioni del premier Conte è che l'arrivo del coronavirus nel nostro Paese possa fomentare episodi di razzismo e xenofobia nei confronti di innocenti cittadini cinesi; sui social, infatti, si stanno diffondendo catene di Sant'Antonio che invitano a non recarsi presso negozi gestiti da cittadini di origine cinese e spacciano tale monito come consiglio medico sanitario; numerosi messaggi additano, infine, i cittadini cinesi come responsabili dell'epidemia a causa delle loro abitudini alimentari e della scarsa igiene: si tratta, ovviamente, di calunnie alimentate dall'ignoranza e dalla superstizione, dalla paura verso lo straniero e da altri sentimenti tanto arcaici quanto ignobili.

Questa inutile e dannosa "caccia all'untore" è stata stigmatizzata anche dall'eminente virologo Roberto Burioni, che invita a "ignorare i messaggi che alimentano le fobie".

Le precauzioni ufficiali per evitare il contagio

Le uniche raccomandazioni ufficiali del Ministero della Salute per ridurre ed evitare il contagio comprendono:

  • lavare spesso le mani con acqua e sapone o, in sostituzione, con soluzioni alcoliche per almeno 20 secondi;
  • starnutire o tossire nell'incavo del gomito o in fazzolettini usa e getta, da smaltire immediatamente dopo l'uso in contenitori chiusi, con successivo lavaggio delle mani;
  • evitare il contatto ravvicinato con chiunque mostri segni di malattie respiratorie;
  • evitare la carne cruda o poco cotta, frutta e verdura fresche non lavate e bevande non imbottigliate.

Il coronavirus, infatti, si trasmette attraverso il contatto con la saliva di una persona infetta (quindi anche tosse e starnuti), portando alle mucose mani non lavate che hanno stretto la mano a una persona infetta o che sono entrate in contatto con oggetti o superfici contaminate; più raramente il virus si trasmette per contaminazione fecale.

I sintomi includono tosse secca, febbre, difficoltà respiratorie: se questi dovessero presentarsi nelle due settimane successive al ritorno dalle aree a rischio, è opportuno contattare immediatamente il numero telefonico gratuito del Ministero della Salute ed evitare il contatto con altre persone, indossando una mascherina chirurgica.

Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!