Pop Smoke, rapper statunitense di soli 20 anni, è scomparso nella prima mattina di oggi a Los Angeles. Il decesso del rapper è arrivato in seguito alle complicazioni dovute ai colpi di pistola inferti al giovane, esplosi all'interno della sua abitazione di Hollywood.

L'artista americano, nonostante la giovanissima età, vantava già una significativa fama a livello internazionale – era conosciuto da molti appassionati del genere anche in Italia – e ottime critiche da parte di pubblico, addetti ai lavori e colleghi, come testimonia il suo featuring con Travis Scott, ma anche la collaborazione indiretta con Nicki Minaj, che ha voluto remixare un suo brano.

La dinamica dei fatti: per la polizia si è trattato di un tentativo di rapina

Stando a quanto riferiscono i media americani, che rilanciano le dichiarazioni della polizia, Pop Smoke sarebbe stato colpito durante un tentavo di rapina: due uomini incappucciati si sarebbero infatti introdotti nella sua abitazione in piena notte, ad un certo punto avrebbero esploso diversi colpi di pistola, alcuni dei quali avrebbero colpito a morte il rapper. Non è dato sapere al momento maggiori dettagli relativamente alla dinamica della colluttazione, non è inoltre chiaro se al momento della tentata rapina fossero presenti nell'abitazione altre persone oltre a Pop Smoke ed ai rapinatori.

Non sembra inoltre che qualcuno sia stato arrestato o indagato per l'accaduto, ma è ancora troppo presto tirare le somme sulle indagini.

La notizia è stata diffusa dal noto magazine americano TMZ, sempre informatissimo ed attendibile in materia di Cronaca Nera, soprattutto quando è legata a personalità dello showbiz a stelle e strisce.

Il cordoglio del web per l'ennesimo rapper andato via troppo presto

Ancora una volta il mondo del Rap si trova a fare i conti con la notizia della morte prematura di un giovane rapper, come accaduto per Lil Peep, XxxTentacion, Juice Wrld e Nipsey Hussle, solo per citarne alcuni tra i tanti casi analoghi verificatisi negli ultimi tempi. Anche questa volta il rimpianto – oltre che il dolore e lo sgomento che accompagnerebbe sempre e comunque la scomparsa di un ragazzo di soli vent'anni – è per quello che Pop Smoke avrebbe potuto fare nel corso di una carriera partita sicuramente col piede giusto.

Messaggi di cordoglio stanno comparendo sui social in queste ore, così come quelli di protesta per l'eccessiva diffusione delle armi, – nonché la facilità con cui possono essere reperite – negli Stati Uniti, circostanza che si era già verificata dopo la morte di Nipsey Hussle, ucciso da un conoscente che gli aveva sparato dopo una lite per questioni personali, e XxxTentacion, deceduto dopo essere stato raggiunto da diversi colpi di pistola durante un tentativo di rapina.

Segui la nostra pagina Facebook!