Un professoressa di Albignasego, in provincia di Padova, ha perso la vita in un tragico incidente stradale avvenuto sul cavalcavia della A13 che collega la città veneta a Bologna. Elisabetta Benvenuti aveva 62 anni ed era originaria di Bari. Nello schianto è stata ferita anche una ragazza di 26 anni che adesso è ricoverata all'ospedale di Schiavonia e non è in pericolo di vita.

Schianto sulla A13: Elisabetta Benvenuti si è spenta, insegnava religione

L'incidente si è consumato sulla A13 che collega Padova e Bologna, nel pomeriggio di ieri, 29 luglio. Elisabetta Benvenuti, insegnante di religione, viaggiava in direzione Due Carrare - Maserà su una Fiat Punto quando ha perso il controllo del mezzo, finendo sulla corsia opposta.

Secondo una prima ricostruzione, l'auto della donna sarebbe andata a schiantarsi contro una Seat Ateca proveniente dal senso opposto, guidata da una ragazza di 26 anni. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco che hanno estratto le due donne dalle lamiere delle auto, andate entrambe distrutte. Elisabetta era apparsa in gravissime condizioni sin da subito, tanto che i medici di soccorso hanno ritenuto opportuno l'immediato trasferimento in elicottero presso l'ospedale di Padova. La ventiseienne, ferita non gravemente, è stata portata all'ospedale di Schiavonia con l'ambulanza del 118 e non è in pericolo di vita. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Conselve per effettuare gli opportuni rilevamenti del caso e studiare la dinamica dell'incidente.

La polizia municipale di Albalignasego si è occupata di ripristinare la viabilità dopo la messa in sicurezza della strada da parte dei vigili del fuoco che hanno provveduto alla rimozione dei mezzi.

L'istituto Pietro d'Abano ha espresso il profondo cordoglio per la scomparsa della professoressa

Elisabetta Benvenuti è deceduta dopo tre ore di agonia in ospedale e la sua scomparsa ha scosso l'intera comunità di Albignasego, dove si era trasferita da Bari.

La donna aveva 62 anni e lascia due figli; insegnava religione presso l'istituto alberghiero Pietro d'Abano ed era molto amata dai suoi studenti. Elisabetta era molto conosciuta anche per il suo impegno sociale e insieme al marito, il chirurgo Oscar Banzato, era fondatrice dell'associazione SoS. La solidarietà di tutta la famiglia nei confronti dei più bisognosi e l'impegno in Africa come volontario del dottor Benzato hanno fatto amare Elisabetta Benvenuti da tutti coloro che hanno conosciuta.

Molti studenti hanno scritto su Facebook un ultimo pensiero per l'amata insegnante: "Più che una prof sei un'amica e penso che abbia aiutato moltissime persone", scrive uno dei suoi alunni sul suo profilo.

Segui la nostra pagina Facebook!