I carabinieri del comando provinciale di Brindisi in questi giorni stanno eseguendo numerosi controlli anti Covid-19 sull'intero territorio provinciale. Negli ultimi giorni i militari dell'Arma hanno proceduto a controllare sia persone che vagavano a piedi nei centri abitati che attività commerciali. Nella fattispecie sono state elevate tre denunce penali a carico di altrettanti soggetti residenti a Villa Castelli: si tratta di cittadini albanesi risultati positivi al coronavirus, due donne di 43 e 54 anni e un uomo di 42 che, nella serata del 15 ottobre, sono stati trovati fuori dalla rispettive abitazioni mentre vagavano in città.

Erano stati proprio gli agenti a recarsi presso il loro domicilio per controllare il rispetto della quarantena. Si è accertato in seguito che i tre andassero a lavorare in campagna, per cui sono entrate in contatto con altre persone a cui potrebbero aver trasmesso il virus.

Rintracciate tutte le persone che sono state a contatto con loro

Contestualmente alla denuncia elevata nei confronti dei tre postivi, le autorità sanitarie hanno proceduto a contattare tutte le persone venute a contatto con i tre individui al fine di attivare il protocollo di isolamento fiduciario e il relativo tampone. Sempre i carabinieri del comando provinciale hanno proceduto a elevare 17 sanzioni nei confronti di persone che non indossavano correttamente la mascherina e che si trovavano assembrate.

Diverse aziende sono state multate perché non hanno fatto rispettare le modalità di ingresso contingentato, oltre a essere sprovvisti dei depliant illustrativi che informano gli avventori sui comportamenti da tenere per evitare il contagio. In totale sono state controllate sette attività commerciali: per una di queste è stato richiesto il provvedimento di chiusura.

Le raccomandazioni dei carabinieri

Le forze dell'ordine raccomandano ai cittadini di tenere sempre con sé la mascherina e di indossarla anche quando si è all'aperto, in quanto si possono incontrare sulla propria strada delle persone positive al Sars-CoV-2. I dispositivi di protezione individuale dovranno essere indossati dovunque, tranne che nelle proprie abitazioni.

Qui però c'è una raccomandazione del governo che invita le persone a indossare le mascherine anche se ci si trova in casa in compagnia di gente non appartenente al proprio nucleo familiare. Per i trasgressori sono previste sanzioni che vanno da un minimo di 400 fino ad un massimo di 1.000 euro. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni al fine di scongiurare situazioni pericolose per la salute pubblica.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!