Nella mattinata del 3 dicembre, un uomo di 46 anni ha perso la vita a causa di un incidente stradale avvenuto in Umbria sulla strada regionale 316, nei pressi di un'area di servizio a Bevagna, in provincia di Perugia. Ferita ma non gravemente, la conducente dell'altra auto. Le forze dell'ordine di Foligno stanno cercando di stabilire la dinamica dell'accaduto. Il tragico episodio di cronaca è stato riportato dai quotidiani locali e nazionali.

Una prima ricostruzione dell'incidente

Alle prime ore del mattino di giovedì, una Fiat 126 si è scontrata con una Lancia Ypsilon per cause ancora da stabilire con precisione.

Inizialmente si era ipotizzato che all'incidente potesse aver contribuito la scarsa visibilità dovuta alla nebbia. Pista però screditata da un testimone, secondo il quale alle 6:30, ora in cui è avvenuta la disgrazia, la strada era libera da nebbia.

Nel violento impatto è deceduto il conducente della Fiat, Graziano Mancini, un 46enne di Foligno che stava rientrando a casa dopo il turno di notte in un'azienda del comprensorio folignate. Un automobilista di passaggio ha chiamato il 118, i cui soccorsi sono sopraggiunti nell'immediato. Inutili i tentativi dei soccorritori: l'uomo sbalzato in un fosso al lato della carreggiata, sarebbe deceduto sul colpo. Sono intervenuti sul posto anche i vigili del fuoco, i quali hanno estratto il corpo del 46enne privo di vita.

La 60enne a bordo dell'altra auto, rimasta ferita nell'urto, è stata trasferita in codice giallo all'ospedale San Giovanni Battista. Il suo quadro clinico non è grave: la donna dovrebbe rimettersi a breve. Gli agenti della polizia locale, coordinati dalla comandante Simonetta Daidone, hanno effettuato i primi rilievi del caso e stanno cercando di ricostruire le cause esatte dell'incidente.

I messaggi di cordoglio

Graziano Mancini, nato a Foligno, aveva la passione per la pittura e i motori. L'uomo ha lasciato una figlia. "Veglia su di lei come hai sempre fatto", ha scritto un utente sulla pagina Facebook della vittima, promettendo di impegnarsi ad aiutare la figlia del 46enne a crescere nel miglior modo possibile.

In tanti sui social si sono stretti intorno al lutto della famiglia con parole di conforto.

In molti hanno elogiato le qualità di Graziano come padre esemplare e come amico. In particolare, un amico l'ha ricordato così: "Da un secondo all'altro se ne va un amico. Sei sempre stato un concentrato di sorrisi e libertà". L'uomo ha descritto il 46enne come uno "spirito libero", solare, semplice e sempre sorridente, specificando che il dolore della sua scomparsa è insopportabile. "Mi mancherai", ha chiosato.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!