Nella giornata di ieri, venerdì 19 febbraio, sono stati individuati i corpi dei quattro escursionisti dispersi da quasi un mese sul monte Velino, principale vetta della catena Sirente-Velino, massiccio montuoso sito tra l'Abruzzo nord-occidentale e il Lazio orientale. Le operazioni di recupero delle salme si sono concluse solo nella giornata di oggi. Protagonista delle ricerche è stato Simba, cane pastore tedesco "in servizio" presso l’unità cinofila dei Carabinieri di Bologna.

Recuperati i corpi dei quattro escursionisti

Nel primo pomeriggio di oggi, sabato 20 febbraio, si sono chiuse ufficialmente le ricerche dei quattro avezzanesi dispersi sul Velino da domenica 24 gennaio.

L'ultimo corpo recuperato è stato quello di Gianmarco Degni, studente 26enne. I resti del giovane rinvenuto nell’area di Valle Majelama, sotto il Colle del Bicchero a quota 1800 metri, sono stati portati a valle poco prima delle 14:30, orario entro il quale si era fissato, per il rischio valanghe, la fine delle operazioni.

Nella giornata di ieri, invece, erano stati individuati e recuperati i corpi di Valeria Mella, fisioterapista 25enne compagna di Degni, di Gian Mauro Frabotta ingegnere 33enne dell’Eni, e di Tonino Durante proprietario 60enne di un negozio di coltelleria. I loro corpi sono stati trasferiti presso l'obitorio dell'ospedale di Avezzano e, come da protocollo, sono stati sottoposti ai primi accertamenti medico-legali.

La Procura della Repubblica non dovrebbe disporre delle autopsie in quanto non ci sarebbero dubbi sulla dinamica: i quattro escursionisti, infatti, sarebbero deceduti a causa dei gravissimi traumi riportati durante la valanga che li ha sorpresi e investiti.

Gli escursionisti individuati dal cane Simba

Il recupero dei corpi degli escursionisti, sepolti da almeno oltre un metro e mezzo di neve, si è rivelato alquanto difficile e ha impegnato circa una quarantina di soccorritori.

Decisivo è stato il contributo dei tre cani molecolari, due dei carabinieri e uno della Guardia di finanza. I quattro zampe si sono alternati e un ruolo da protagonista lo avrebbe avuto Simba, un cane di razza pastore tedesco nato in Germania e ora in forza al Nucleo Carabinieri Cinofili di Bologna. Addestrato per la ricerca di corpi umani, Simba è arrivato in Abruzzo con la "collega" Bayla, un'altra femmina di pastore tedesco, nella giornata di giovedì 18 febbraio.

Simba e Bayla, abilitati nella ricerca di corpi in acqua, hanno seguito dei corsi speciali e sono stati addestrati nella città tedesca di Ahrbergen, in Bassa Sassonia.

Tonino Durante, Gian Mauro Frabotta, Gianmarco Degni e Valeria Mella erano molto conosciuti ad Avezzano. Ancora non è stata stabilita la data delle esequie. Tuttavia il giorno dei funerali, come anticipato dal sindaco Gianni Di Pangrazio, sarà proclamato il lutto cittadino. "Al cospetto di questa immane tragedia - ha dichiarato il primo cittadino abruzzese - le parole diventano inutili. In questi momenti si deve lasciar spazio a un rispettoso silenzio".