Aveva solo 27 anni il giovane che nella giornata di ieri, 13 settembre, ha perso tragicamente la vita in un incidente stradale verificatosi nei pressi della città di Parma. Il giovane era originario del cosentino. Il 27enne era su un autocarro in un cantiere lungo l'autostrada quando è rimasto ucciso dopo che il suo mezzo è stato travolto da un camion. Sul posto si sono recati i sanitari del 118 che non hanno potuto far altro che constatare l'avvenuto decesso. Sull'effettiva dinamica stanno indagando le forze dell'ordine che hanno già effettuato i rilievi di rito.

Parma, incidente in autostrada A1: perde la vita un giovane calabrese

Si chiamava Mariano Laino e aveva solo 27 anni il giovane calabrese che nella giornata di ieri, intorno alle ore 15:00, ha perso tragicamente la vita mentre lavorava presso l’autostrada A1 Milano-Napoli, nel tratto compreso tra lo svincolo di Parma e il bivio con l’A15 direzione Milano. Dalle ultime ricostruzioni effettuate dagli inquirenti sarebbe emerso che il 27enne stava segnalando un cantiere lungo la corsia di emergenza, quando per cause tutte in corso di accertamento, un mezzo pesante diretto verso Milano ha sbandato colpendo in pieno il furgone di servizio su cui si trovava il giovane. L'impatto tra i due mezzi è stato violentissimo.

Sul posto si sono recati rapidamente i sanitari del 118 che hanno prestato immediatamente soccorso al giovane, ma purtroppo, non c'è stato nulla da fare. Il suo cuore aveva già smesso di battere. Sul posto si sono recati anche gli agenti della Polstrada e il personale di Autostrade per l’Italia. Gli agenti hanno effettuato i vari rilievi di rito per poter stabilire con certezza la dinamica di quanto accaduto e capire se ci siano eventuali responsabilità.

Il traffico è rimasto bloccato per consentire tutte le operazioni di soccorso e di rimozione dei mezzi rimasti incidentati. Mariano Laino era originario della cittadina di Scalea, un piccolo comune situato nella provincia di Cosenza, ma si era trasferito a Castellarquato, nel piacentino, per motivi lavorativi.

Sgomento e incredulità fra i colleghi e gli amici della giovane vittima che si stanno stringendo intorno al dolore dei familiari che non si capacitano di quanto accaduto.

Il giovane è il secondo decesso che si verifica nel giro di poche settimane nel cantiere autostradale di Parma. Il 5 agosto aveva infatti perso la vita un altro operaio di 53 anni. Anche in questo caso l'uomo sarebbe stato travolto da una ruspa che lo avrebbe schiacciato contro un mezzo che si trovava fermo sul ciglio della carreggiata. Nonostante i tempestivi soccorsi del 118 per lui non c'è stato nulla da fare.