Il Premio nasce nel 2002, su iniziativa del Ministero per i Beni e le attività culturali al fine di promuovere il Cinema italiano, ed è realizzato con il sostegno della Direzione Generale Cinema del Ministero e in stretta collaborazione con la Biennale di Venezia. Il Kinèo mantiene la sua originalità di incentrarsi sui gusti e le opinioni del pubblico, e perfino la giuria deve cercare di entrare in sintonia con chi, anche da semplice appassionato, segue il cinema.

Rappresenta quindi un interessante banco di prova per films e attori, tenuto conto che al di là dei giudizi della critica il cinema si regge innanzitutto sul parere positivo del pubblico. L'associazione che sta alla base del premio è presieduta da Rosetta Sannelli, mentre la general-manager è Tiziana Rocca, con la sua società di produzione.

Alcuni dei premiati

Il Premio Giovani Rivelazioni andrà a Emanuel Caserio, davvero un grande attore, anche se per ora dichiara di tenersi stretto il posto di cameriere in un ristorante a Roma.

Emanuel lo ricordiamo al fianco di Sabrina Ferilli in "Forever Young" e lo rivedremo in "L'amore rubato", sul tema della violenza alle donne, che lo sta impegnando sul set e uscirà al cinema a fine novembre. Tratto dal romanzo di Dacia Maraini, il film di Irish Braschi presenta un cast niente male, con, tra gli altri, Elena Sofia Ricci, Alessandro Preziosi, Chiara Mastalli. Tra i premiati anche la bellissima Sophie Turner, per intendersi la Sansa Stark de "Il Trono di spade", che riceverà il Kinèo International Award.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Sophie ha interpretato anche "Barely Lethal-16 anni e spia", "Another Me", "X-Men-Apocalisse", ecc. Patty Pravo, strappata al suo fantastico tour, riceverà il Kinèo Excellence Award per la musica. Marco Giallini verrà invece premiato con il Movie&Art Award TaorminaFilmFest  e Roberto Andò con il SNCCI Pubblico&Critica.

Una serata anche di solidarietà

I premiati sfileranno prima sul red carpet, poi si sposteranno al Palazzina G per una serata di gala, che sarà sia di premiazione ma anche e forse soprattutto di solidarietà.

Infatti anche quest'anno il premio Kinèo si schiera con WeWorld, associazione che si occupa dei diritti delle donne e dei bambini e proprio nel corso della serata verrà presentato lo spot "potrei essere io", che ha come interprete l'attrice Carolina Crescentini e che sarà il punto centrale della campagna di sensibilizzazione contro la violenza a donne e minori. I fondi andranno a sostenere il progetto SOStegno Donna, che già opera in vari sportelli antiviolenza presenti nei principali ospedali della Penisola, ma anche a favore dei Centri WeWorld già operanti in quartieri a super-rischio a Palermo e Napoli, e, prossimamente, anche a Roma.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto