È dedicata a Dario Fo la quarta edizione del #SocialBookDay organizzata da Libreriamo, la community di lettori più ampia d'Italia. "La letteratura dev'essere portata fuori dai luoghi di cultura - dichiara uno degli organizzatori - essere alla portata di tutti", e quindi via alla chiamata alle armi. Tutti i booklovers o i culturelovers sono chiamati a condividere sui loro social una frase, una foto o una citazione che parli del loro amore per la lettura. L'obiettivo è sostituire, anche solo per un giorno, le copertine dei Libri ai contenuti solitamente virali, al gossip, alle notizie di guerra. E allargare i confini di una comunità basata sulla sana "condivisione delle emozioni".

Pubblicità
Pubblicità

#Socialbookday: i tweet più divertenti

"Una pagina di qualsiasi libro vale più dell'intera programmazione di Canale5", è il tweet di uno dei tanti utenti che si sono espressi in merito a questa iniziativa condividendo i loro pensieri, le loro opinioni. L'ironia è ovunque, in questa giornata particolare per i social network. Nelle copertine dei libri di Dario Fo, che all'allegria inneggiava continuamente, tra le righe dei proverbi più 'sconci' del dialetto modenese, in una vignetta che racconta i libri come indispensabili perché, come i vestiti per una donna, non bastano mai.

Una delle immagini di Liberiamo, la community che ha lanciato l'iniziativa.
Una delle immagini di Liberiamo, la community che ha lanciato l'iniziativa.

Ficcare il naso in questa variegata umanità che sono i lettori, molti di più di quanto si possa immaginare, è un inno al buon umore e all'ottimismo perché, in un paese che si pensa sempre meno affezionato ai libri, vedere lettori di ogni età fianco a fianco, impegnati a condividere parole di D'Annunzio come di Ermanno Rea può sfatare numerosi miti.

#Socialbookday: l'opportunità social

C'è anche chi quest'occasione la sta sfruttando per promuoversi, per condividere i propri lavori, le proprie uscite o anche qualcosa in linea con il senso più profondo della giornata, qualcosa di socialmente e culturalmente utile.

Pubblicità

Fra tutti il rilancio della petizione lanciata su Change.org per chiedere che parte dei proventi del canone Rai siano devoluti a un Fondo per la Letteratura e il lancio delle Mappe Interattive di #Iononrischio2016. Sfogliando i tweet, gli scatti e i post su Facebook ispirati a questa iniziativa una cosa sola resta chiara: la guerra tra tecnologia e libri non esiste, perché quando sono 'dalla stessa parte' il web si colora di copertine e #Socialbookday diventa TrendTopicItalia su Twitter in poco più di un'ora. 

Clicca per leggere la news e guarda il video